L’Europa che vogliamo. 

Nutrire il pianeta attraverso la democrazia e la diversità.

– 14 luglio Firenze – 

Il 14 luglio, dalle 14 alle 18.30, a Firenze, presso Le Murate – Sala Anci in piazza Madonna della Neve, si svolgerà l’incontro Feeding the planet through democracy and diversity promosso da CONCORD Italia ed Expo dei Popoli, in occasione dell’incontro informale dei ministri dello sviluppo europei. L’evento aprirà il programma di attività inserito nell’ambito del progetto More and Better Europe, cofinanziato dalla Commissione Europea e dal Ministero degli Affari Esteri.

Al centro del dibattito il tema del diritto al cibo e le politiche europee, discusso a partire dall’ultimo rapporto del relatore speciale delle Nazioni Unite, Olivier De Schutter che introdurrà la conferenza The transformative potential of the right to food.

Francesco Petrelli, portavoce di CONCORD Italia, ricorda: “Oggi il problema delle 840 milioni di persone  che soffrono  fame  e denutrizione non è dovuto alla scarsità di cibo prodotto in abbondanza, ma all’ingiustizia. La prova è che la metà di chi vive la condizione della fame sono piccoli contadini che producono il cibo. Le cause vere sono regole ingiuste del commercio, il fenomeno dell’accaparramento delle terre, la speculazione finanziaria su prodotti essenziali per vivere. Accanto al fenomeno della fame assistiamo agli enormi sprechi dei sistemi di produzione alimentare industriale del nostro mondo, dove il 40% del cibo finisce nella spazzatura nel percorso tra il frigo e la tavola, negli stili di consumo alimentare indotti che producono il fenomeno della crescente obesità soprattutto di bambini e giovani.

Il Vice Ministro degli Esteri, Lapo Pistelli, che sarà presente all’incontro, ha dichiarato: “La città di Firenze che ospita la riunione informale dei ministri dello sviluppo oltre agli eventi ufficiali, si arricchisce grazie anche alle iniziative proposte dalle ong europee e italiane della Piattaforma CONCORD Italia. In particolare mi sembrano interessanti, gli eventi sui temi della sicurezza alimentare in vista di Expo 2015 e l’incontro sulla cooperazione euro mediterranea e la migrazione, che è un tema prioritario dell’agenda italiana. Credo – conclude Pistelli- si tratti di un buon contributo dal parte della società civile e delle ong che consolida un rapporto di dialogo e partnership di lungo periodo, registrando una  convergenza sui temi dell’agenda istituzionale italiana. Accrescendo così la possibilità di incidere da parte del nostro Paese durante il suo Semestre di Presidenza

Durante l’incontro, saranno presentatele proposte elaborate dal Gruppo Europeo per la Sicurezza Alimentare (EFSG) della piattaforma CONCORD per costruire un sistema basato sul diritto al cibo che permetta ad ognuno di alimentarsi in maniera sana e sostenibile per l’intero pianeta.

Un sistema basato sul modello della produzione agricola familiare e diversificata, che già sfama la maggioranza della popolazione mondiale. Un potenziale minacciato però dal modello alimentare industriale, che gode di un sostegno politico del tutto sproporzionato.

Tra i punti essenziali del documento che raccoglie queste proposte, intitolato “Giustizia, democrazia e diversità nel nostro sistema alimentare”, ricordiamo in particolare:

–       la richiesta ai governi europei di assumere e rispettare il ruolo del Comitato sulla Sicurezza Alimentare Globale (CFS) delle Nazioni Unite, che ha l’obiettivo di promuovere il coordinamento e la governance del sistema alimentare globale;

–       l’invito ad optare per metodi agroecologici di produzione che mantengano e favoriscano la biodiversità, e a dare priorità alle economie e al commercio locali

–       la raccomandazione di assicurare prezzi stabili ed equi attraverso l’utilizzo di strumenti politici che aiutino la stabilizzazione dei mercati alimentari

–       la garanzia che le politiche europee diano l’accesso alle risorse produttive attraverso la promozione e la tutela dei diritti dei contadini, specialmente donne, su acqua, terra, sementi, bestiame, pesca, foreste.

 

L’evento è promosso insieme a Expo dei Popoli, network di oltre 30 associazioni e ong italiane impegnate nell’organizzazione di un Forum dei Popoli nel giugno 2015 in concomitanza con l’Expo di Milano. Giosuè De Salvo, rappresentante legale di Expo dei Popoli, dichiara: “L’appuntamento di Firenze segna il giro di boa nella lunga traversata della società civile italiana verso il Forum dei Popoli di Milano nel giugno del 2015. Una sei giorni di elaborazione collettiva, con almeno 200 delegati stranieri, che produrrà un documento politico di alto livello su come nutrire il pianeta e farlo in modo da rispettare i cicli naturali e tutti i diritti inviolabili dell’uomo, della donna e del bambino che per troppo tempo sono stati sacrificati sull’altare del profitto e del libero commercio”

 

Iscrizioni e programma completo su: http://www.concorditalia.org/events/feeding-the-planet-through-democracy-and-diversity/

 

Per informazioni: info@concorditalia.org

 

Ufficio stampa CONCORD Italia: Francesco Verdolino –  3398129813 – francesco.verdolino@hotmail.it

 

Ufficio stampa Oxfam Italia: David Mattesini – 349.4417723 – david.mattesini@oxfam.it

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.