Oltre 150 organizzazioni, 26 dall’Italia (compreaso il Cispi), firmano un appello contro il trattato TTIP e le misure del Congresso statunitense per condizionare gli accordi commerciali UE – USA all’opposizione al boicottaggio di Israele

http://bdsitalia.org/index.php/comunicati-sul-bds/1836-ttip-bds

No al TTIP. No a chi vuole mettere sotto silenzio il sostegno ai diritti dei palestinesi.

Noi sottoscritti siamo contrari al pericoloso negoziato sul Trattato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti (TTIP) ed ai tentativi di alcuni politici statunitensi di utilizzare il TTIP per limitare sia la libertà di espressione politica che le campagne di solidarietà con la lotta del popolo palestinese per libertà, giustizia e uguaglianza.

Il TTIP, attualmente in corso di negoziazione tra l’Unione europea e gli Stati Uniti, potrebbe comportare un trasferimento di potere senza precedenti alle corporation allo scopo di salvaguardare i loro interessi e rappresenta un grave attentato alla democrazia, agli standard sociali, ai diritti dei lavoratori e alle normative sull’ambiente. Esso porterebbe all’irreversibile privatizzazione e frammentazione dei servizi pubblici e pregiudicherebbe seriamente l’attuazione di provvedimenti a tutela dell’ambiente.

Inoltre, sono molto preoccupanti la segretezza e la mancanza di democrazia, che sono le caratteristiche fondamentali del negoziato, e il meccanismo proposto dello “Investor State Dispute Settlement” (ISDS), che permetterebbe alle multinazionali di avviare azioni legali nei confronti dei governi secondo un sistema giudiziario parallelo riservato esclusivamente ad esse.

Come organizzazioni che si oppongono a qualsiasi trattato UE-USA sul commercio che non privilegi l’interesse pubblico, ci preoccupa molto l’introduzione nella legislazione del Congresso degli Stati Uniti di norme che potrebbero permettere di usare il TTIP nella repressione di campagne per i diritti umani in solidarietà con il popolo palestinese.

Il 29 giugno 2015, il presidente Barack Obama ha firmato il Bipartisan Congressional Trade Priorities and Accountability Act, che gli concede l’autorità di procedere attraverso una “corsia veloce” (fast track) sui negoziati commerciali, come il TTIP. La sezione 20 di questa legge stabilisce gli “obiettivi negoziali principali” per i partner commerciali nel TTIP e vi è compresa una clausola che “scoraggia azioni politiche tese a boicottare, disinvestire o sanzionare Israele e mira ad eliminare barriere non tariffarie ed imposte con motivazioni politiche su beni, servizi o altri scambi con lo Stato di Israele”.

La definizione di tali azioni specifica inoltre che vi sono incluse non solo quelle mirate a chi svolge attività in Israele, ma anche quelle verso chi opera “in territori controllati da Israele “. La legge, quindi, ha lo scopo di proteggere gli insediamenti illegali di Israele da misure che in futuro li gravino di responsabilità, nonostante che l’Unione europea e le Nazioni Unite li considerino illegali, secondo il diritto internazionale.

L’inclusione di tali disposizioni nella legislazione ‘fast track‘ è una risposta al crescente successo delle campagne di solidarietà con il popolo palestinese in tutta Europa e negli Stati Uniti, essa potrebbe richiedere all’UE di rivedere le misure esistenti già adottate sulla base degli obblighi previsti dal diritto internazionale. Questi includono la fine di un trattamento preferenziale per le esportazioni provenienti da insediamenti israeliani illegali nella Cisgiordania occupata e l’attuazione delle linee guida che impediscono la concessione di fondi pubblici europei a tali insediamenti.

L’UE ha anche adottato misure per mettere in guardia le imprese dall’avere rapporti economici con gli insediamenti israeliani illegali; le principali banche europee hanno disinvestito da banche ed imprese israeliane a causa del ruolo di queste nelle violazioni israeliane del diritto internazionale; grandi aziende europee come G4S e Veolia sono ritenute responsabili per il loro coinvolgimento nelle infrastrutture dell’occupazione israeliana della terra palestinese.

A seguito dell’aggressione di Israele alla Striscia di Gaza nel 2014, che ha provocato la morte di più di 2.200 persone con attacchi deliberati contro i civili, considerati crimini di guerra dall’ONU e da altri organismi, in tutto il mondo è sceso in strada un gran numero di persone per esprimere sostegno alla lotta palestinese per la libertà, la giustizia e l’uguaglianza. Non accetteremo alcun tentativo legislativo di tacitare queste espressioni di solidarietà.

Firmato

  1. ELA Basque Country
  2. Ikasle Abertzaleak Basque Country
  3. Third World Health Aid Belgium
  4. Association Belgo-Palestinienne WB Belgium
  5. Palestina Solidariteit Belgium
  6. Médecine pour le Tiers Monde (M3M) Belgium
  7. Solidarité Socialiste Belgium
  8. Plate-forme Charleroi-Palestine Belgium
  9. Climaxi – Friends of the Earth Flanders and Brussels Belgium
  10. intal Belgium
  11. Mouvement ouvrier chrétien Belgium
  12. Gents ActiePlatform Palestina Belgium
  13. Links Ecologisch Forum Belgium
  14. Mouvement Citoyen Palestine Belgium
  15. Bruxelles Panthères Belgium
  16. Zaustavimo TTIP Croatia
  17. ISM Czech Republic Czech Republic
  18. Přátelé PALESTINY Czech Republic
  19. Ne 2asim jménem! – Za spravedlivý mír na Blízkém východě Czech Republic
  20. Palestinian Club in Czech Republic Czech Republic
  21. ICAHD Finland Finland
  22. Finnish-Arab Friendship Society Finland
  23. Physicians for Social Responsibility, Finland Finland
  24. Työpaikkojen rauhantoimikunta Finland
  25. Vlaams-Socialistische Beweging (V-SB) Flanders
  26. CCIPPP34 France
  27. UJFP – French Jewish Union for Peace France
  28. Association France-Palestine solidarité (AFPS) France
  29. Sortir du colonialisme France
  30. Amis de la Terre France
  31. SNESUP-FSU France
  32. Collectif Judéo Arabe et Citoyen pour la Palestine France
  33. ECOAR))) Galicia
  34. BDS Berlin Germany
  35. AG Palästina/Frankfurt Germany
  36. Deutsch Palästinensische Gesellschaft Germany
  37. Jüdisch-Palästinensische Dialoggruppe München Germany
  38. AK Nahost Berlin Germany
  39. ICAHD Germany Germany
  40. bilaterals.org International
  41. Friends of the Earth International International
  42. European Work Hazards Network International
  43. Action from Ireland (Afri) Ireland
  44. Stop TTIP Ireland Ireland
  45. Keep Ireland Fracking Free Ireland
  46. Ireland-Palestine Solidarity Campaign Ireland
  47. Comhlámh Ireland
  48. Boycott! Supporting the Palestinian BDS Call from Within Israel
  49. AL-BEIT: Association for the Defence of Human Rights in Israel Israel
  50. ICAHD (Israeli Committee Against House Demolitions) Israel
  51. Associazione Senza Paura Genova Italy
  52. Associazione per la Pace Italy
  53. Lorusso Editore Italy
  54. Forum Palestina Italy
  55. Gastellina (gruppo d’acquisto solidale) Italy
  56. Fairwatch Italy
  57. Pax Christi Catania Italy
  58. Assopace Palestina Italy
  59. Coordinamento Nord Sud del Mondo Italy
  60. BDS Italia Italy
  61. US Citizens for Peace & Justice – Rome Italy
  62. BDS Sardegna Italy
  63. Associazione Amicizia Sardegna Palestina Italy
  64. Rete-ECO (Ebrei contro l’occupazione) Italy
  65. ULAIA ArteSud onlus Italy
  66. Un Ponte per Italy
  67. Gruppi Informali Italy
  68. Rete Radié Resch – Gruppo di Salerno Italy
  69. Rete Radié Resch – Udine group Italy
  70. Circolo Sel Aurelio Italy
  71. ISMal Italy
  72. Coordinamento Acqua Bene Comune della Provincia di Sondrio Italy
  73. Italian Forum for Water Movements Italy
  74. COSPE Italy
  75. A Sud – Ecologia e Cooperazione ONLUS Italy
  76. CDCA – Centro di documentazione sui conflitti ambientali Italy
  77. Comité pour une Paix Juste au Proche-Orient Luxembourg
  78. Stop TAFTA Luxembourg Luxembourg
  79. Breed Platform Palestina Netherlands
  80. Kerk en Vrede Netherlands
  81. Diensten en Onderzoek Centrum Palestina (docP) Netherlands
  82. Netherlands Palestine Committee (NPK) Netherlands
  83. SAP/Grenzeloos Netherlands
  84. Kairos Palestina Nederland Netherlands
  85. WILPF Netherlands Netherlands
  86. stichting Groningen-jabalya Netherlands
  87. Ander Europa Netherlands/Belgium
  88. PROJOB Netherlands
  89. Women in Black Netherlands
  90. Nederlands Palestina Komitee Netherlands
  91. Utrecht4Palestina Netherlands
  92. Woman in Black Utrecht Netherlands
  93. Hope Netherlands
  94. Humanisitisch Vredesberaad Netherlands
  95. Palestina Komitee Nijmegen Netherlands
  96. Polish Palestine Solidarity Campaign Poland
  97. GAP (Grupo Acção Palestina) Portugal
  98. MPPM – Movimento pelos Direitos do Povo Palestino e pela Paz no Médio Oriente Portugal
  99. Comité de Solidariedade com a Palestina Portugal
  100. Precários Inflexíveis Portugal
  101. Association of Palestinian Communities, Scotland Scotland
  102. Scottish Friends of Palestine Scotland
  103. Dundee Trades Union Council Scotland
  104. Scottish Palestine Solidarity Campaign Scotland
  105. Iniciatíva za spravodlivý mier na Blízkom východe Slovakia
  106. BDS Slovenia Slovenia
  107. Union of Slovenian Journalists Slovenia
  108. Institute Abraham Slovenia
  109. UP Jesenice Slovenia
  110. Institute Circle Slovenia
  111. Zavod Krog Slovenia
  112. Matafir Slovenia
  113. Fundacion madrid Paz y Solidaridad – CCOO de Madrid Spain
  114. Fundación Mundubat Spain
  115. International Workers’ League – Fourth International Spain
  116. Corriente Roja Spain
  117. PalestinaTomaLaCalle Spain
  118. Al-Quds Association Spain
  119. Rumbo a Gaza Spain
  120. Anticapitalistas Spain
  121. NOVACT Spain
  122. Anticapitalistas Spain
  123. Ecologistas en Acción Spain
  124. Hilombe Solidaridad Spain
  125. Red Solidaria contra la Ocupación de Palestina (RESCOP) Spain
  126. ATTAC Spain Spain
  127. Unión Sindical Obrera Spain
  128. Small Ones Develop Sweden
  129. BDS Switzerland Switzerland
  130. War on Want UK
  131. National Union of Teachers UK
  132. GMB UK
  133. UNISON Northumberland County Branch UK
  134. Exeter Palestine Solidarity Campaign UK
  135. Student Stop AIDS Campaign UK
  136. Public & Commercial Services Union (PCS) UK
  137. ICAHD UK UK
  138. Bristol (UK) Palestine Solidarity Campaign UK
  139. Sheffield Palestine Solidarity Campaign UK
  140. Palestine-UK Social Work Network UK
  141. UK-Palestine Mental Health Network UK
  142. Unite UK
  143. Trade Justice Movement UK
  144. Global Justice Now UK
  145. Antonine Friendship Link UK
  146. Jews for Justice for Palestinians UK
  147. Knighton Palestine Links UK (Wales)
  148. WILPF (UK) UK
  149. National Justice & Peace Network UK (England & Wales)
  150. Citizens for Justice in the Middle East – Kansas City USA
  151. CODEPINK Women for Peace USA
  152. HealthWrights USA
  153. Just Foreign Policy USA
  154. Fellowship of Reconciliation USA
  155. CIPSI Solidarietà e Cooperazione, IT

Originale in inglese: War On Want

 

2 Commenti per 150 organizzazioni dicono No al TTIP, No al tacitare il sostegno ai diritti dei palestinesi

  1. […] 150 organizzazioni dicono No al TTIP, No al tacitare il sostegno ai diritti dei palestinesi sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

  2. […] 150 organizzazioni dicono No al TTIP, No al tacitare il sostegno ai diritti dei palestinesi sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.