Conferenza nazionale di tutte le realtà del sociale aderenti. Miseria Ladra promossa da Libera e Gruppo Abele: “PER UN’EUROPA SOCIALE, LE PROPOSTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO”. Martedì 20 maggio ore 11 presso FNSI – Federazione Nazionale della Stampa Corso Vittorio Emanuele II 349, Roma, Il mondo sociale laico e cattolico si rivolge al mondo politico con una serie di proposte condivise per uscire dalla crisi e sconfiggere la povertà.

La crisi trascina in basso e in povertà un italiano su tre, come ci ricordano i dati Eurostat. Secondo l’ultimo rapporto Istat, in Italia ci sono piu’ di nove milioni e mezzo di poveri relativi, cioe’ di persone che vivono con 506 euro al mese e 4,8 milioni di poveri assoluti che vivono nella totale indigenza. E sempre secondo Eurostat, nel nostro paese c’e’un milione di minori in poverta’ assoluta. Non diversa la fotografia in Europa dove secondo la CRI sono 126 milioni i poveri e circa 43 milioni gli indigenti. Una situazione drammatica a cui le istituzioni locali che si confrontano giornalmente con la povertà sui territori non riescono ad opporre una risposta efficace e sistemica, soprattutto a causa delle politiche economiche di austerity imposte dalla Bce e Commissione Europea.

Partendo da questi dati, Martedì 20 maggio alle ore 11,00 presso la Federazione Nazionale della Stampa Corso Vittorio Emanuele II 349, Roma si svolgerà la Conferenza Nazionale “Per un’Europa Sociale. Le proposte delle associazioni e del volontariato” promossa dalle realtà sociali laiche e cattoliche aderenti a Miseria Ladra campagna contro la povertà di Libera e Gruppo Abele. Intervengono Giuseppe De Marzo, Leopoldo Grosso, Filippo Miraglia, Cecilia Strada, Gabriella Stramaccioni, Nicoletta Teodosi, don Armando Zappolini, Monica Pasquino, Riccardo Laterza, Roberto Speranza, Pd-Pse, Barbara Spinelli, Altra Europa per Tsipras, Francesco Ferrante, Verdi Europei. Conclude Luigi Ciotti. Partecipano Arci, Cilap-Eapn, Cnca, Cipsi, Emergency, Fiopsd, Gruppo Abele, Libera, Rete della Conoscenza, Scosse, Rete Patrimonio Comune e le realtà territoriali del volontariato laico e cattolico dei territori.

Durante la Conferenza il mondo del sociale, laico e cattolico, presenterà in modo condiviso una serie di proposte al mondo politico per uscire dalla crisi e combattere la poverta’, oggi la peggiore delle malattie e la piu’ grande illegalita’ dell’ Italia. “Proprio nel momento in cui welfare e politiche sociali dovrebbero essere al centro di qualsiasi progetto per contrastare l’impoverimento sempre più diffuso e la crisi– denunciano i promotori della conferenza nazionale-continuano, invece, a subire tagli e ad essere al centro di un progetto di sostanziale liquidazione. Senza investimenti pubblici non ci può essere una politica del lavoro e per il lavoro. Senza politiche sociali non ci può essere nè lotta alla povertà, né rilancio dell’economia e della domanda aggregata. Senza lavoro e diritti non c’è democrazia.

giuseppedemarzo@libera.it
www.libera.it
+39/0669770301

 

SCARICA LOCANDINA: miserialadra_europa definitiva

http://www.miserialadra.it/

http://www.libera.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/8404

http://www.gruppoabele.org/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4435

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.