Rapporto Unicef e Oms.

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile impegna gli stati membri delle Nazioni Unite ad adottare misure coraggiose per “spostare il mondo su un percorso sostenibile e resiliente”, “realizzare i diritti umani di tutti”, “porre fine alla povertà in tutte le sue forme” e assicurare che ” nessuno venga lasciato indietro”. Dal 2000, miliardi di persone hanno accesso all’acqua potabile di base, ai servizi igienico-sanitari e all’igiene, ma molti paesi hanno ancora una lunga strada da percorrere per realizzare appieno l’ambizione dell’SDG di raggiungere “l’accesso universale” per tutti. Il rapporto dell’Unicef valuta i progressi compiuti a livello nazionale, regionale e globale nella riduzione delle disuguaglianze nei servizi di lavaggio delle famiglie per il periodo 2000-2017 e identifica le popolazioni più a rischio di disuguaglianze.

1 persona su 3 – 2,2 miliardi di persone – in tutto il mondo manca di acqua potabile sicura.

Nel 2017, il 71% della popolazione mondiale ha utilizzato servizi di acqua potabile gestiti in modo sicuro. Stime nazionali erano disponibili per 117 paesi e 4 su 8 regioni SDG, che rappresentano il 38% della popolazione mondiale. La copertura era inferiore nelle aree rurali (53%) rispetto alle aree urbane (85%) che ospitavano 2 su 3 dei 5,3 miliardi di persone che utilizzavano servizi gestiti in sicurezza. Nel 2017 un totale di 80 paesi aveva raggiunto una copertura superiore al 99% dei servizi, classificandosi, così, come aventi una copertura “quasi universale” dei, almeno, servizi di acqua potabile.

Oltre la metà della popolazione mondiale – 4,2 miliardi di persone – non dispongono di servizi igienici sicuri.

Nel 2017, il 45% della popolazione mondiale (3,4 miliardi di persone) ha utilizzato servizi di risanamento gestiti in sicurezza. Stime nazionali erano disponibili per 92 paesi e 6 su 8 regioni SDG, che rappresentano il 54% della popolazione mondiale. La copertura era più elevata nelle aree urbane (47%) che nelle aree rurali (43%) e due terzi della popolazione che utilizzava servizi gestiti in modo sicuro vivevano nelle aree urbane. 7 persone su 10 a cui mancavano ancora servizi di base vivevano nelle zone rurali, mentre un terzo viveva in paesi meno sviluppati.

673 milioni di persone in tutto il mondo praticano ancora la defecazione all’aperto.

Il numero di persone che pratica la defecazione all’aperto a livello globale è diminuito di 696 milioni tra il 2000 e il 2017 – i paesi dell’Asia centrale e meridionale che rappresentano quasi i tre quarti di questa riduzione (496 milioni). L’Asia orientale e sud-orientale e l’Africa sub-sahariana hanno registrato riduzioni rispettivamente di 70 milioni e 58 milioni. Tuttavia, nello stesso periodo, 39 paesi hanno registrato aumenti netti del numero di persone che praticavano una defecazione all’aperto per un totale di 49 milioni. Questi paesi includevano paesi in rapida crescita demografica e erano concentrati soprattutto nell’Africa sub-sahariana.

2 su 5 persone – 3 miliardi di persone – in tutto il mondo non ha agevolazioni per il lavaggio delle mani

Nel 2017, il 60% della popolazione mondiale (4,5 miliardi) disponeva di una base per il lavaggio delle mani – acqua e sapone disponibili in casa. Il 22% (1,6 miliardi) disponeva di impianti per il lavaggio delle mani, ma non avevano acqua o sapone al momento dell’indagine e il 18% (1,4 miliardi) non disponeva affatto di un impianto per il lavaggio delle mani. Le stime di lavaggio erano disponibili solo per 3 delle 8 regioni SDG e per 73 paesi, mentre erano disponibili pochi dati per i paesi ad alto reddito e erano disponibili dati insufficienti per stimare le tendenze regionali e globali.

Vi sono anche disuguaglianze significative nei livelli di servizio tra le popolazioni urbane e rurali.

Nuovi dati sui livelli di servizio rivelano notevoli disuguaglianze nell’accessibilità, disponibilità e qualità dell’acqua potabile ricevute da persone che vivono nelle aree rurali e urbane, in diverse regioni sub-nazionali, tra i più ricchi e poveri di ogni paese. Nel ristretto numero di paesi che dispongono di dati disaggregati disponibili per tutti e tre i criteri dei servizi di acqua potabile gestiti in sicurezza, si osservano differenze significative tra aree urbane e rurali.

In quasi tutti i paesi, i livelli di servizio sono più elevati nelle aree urbane rispetto alle aree rurali, ma si osservano diversi modelli di disuguaglianza. Ad esempio, l’accessibilità è altrettanto bassa nelle aree rurali (4%) e urbane (16%) dell’Uganda, mentre in Etiopia c’è un divario di 67 punti percentuali tra rurale (5%) e urbano (72%). In Nicaragua, il divario nei livelli di servizio tra urbani e rurali supera i 40 punti percentuali per due dei tre criteri SDG, mentre in Nepal i divari tra urbano e rurale sono piccoli. In Paraguay, le aree urbane e rurali hanno livelli simili di accessibilità e disponibilità, ma c’è una differenza di 21 punti percentuali nella qualità dell’acqua.

Fonte: https://data.unicef.org/resources/progress-drinking-water-sanitation-hygiene-2019/?fbclid=IwAR3sTsVptdYE9nGRrnudCu_7FqDGT2SILA-NtE6Dpc96y-7TmIzMH1gOzFU

Immagine in evidenza: https://data.unicef.org/resources/progress-drinking-water-sanitation-hygiene-2019/?fbclid=IwAR3sTsVptdYE9nGRrnudCu_7FqDGT2SILA-NtE6Dpc96y-7TmIzMH1gOzFU

Un commento per 2,2 miliardi di persone senza acqua potabile…

  1. […] 2,2 miliardi di persone senza acqua potabile… sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]