A 100 anni dall’entrata in guerra dell’Italia, 3000 giovani contro il silenzio complice.

Il 17 e 18 aprile nelle trincee della prima guerra mondiale mentre si continua a sparare in tante parti del mondo.

NON LASCIAMOLI SOLI! DATE VOCE ALLA PACE!

 Verranno da 68 città di 15 regioni italiane e il prossimo 17 e 18 aprile si ritroveranno nelle trincee della prima guerra mondiale, la madre di tutte le catastrofi del ‘900, per lanciare un appello di pace contro tutte le stragi che si vanno compiendo e l’indifferenza che le circonda.

Sono i giovani studenti e gli insegnanti di 87 scuole impegnati in programmi di educazione alla cittadinanza democratica e in percorsi di pace. Al loro fianco ci saranno amministratori locali, animatori culturali, giornalisti, scrittori, genitori, cittadini e istituzioni preoccupati per quanto sta succedendo in Siria, Yemen, Libia, Iraq, Somalia, Sud Sudan, Nigeria, Afghanistan, Palestina, Tunisia, Egitto e in tante parti del mondo a noi molto vicine.

Sarà un grande Meeting di pace e un laboratorio di quella cultura nuova che ci deve aiutare a chiudere l’epoca della grande guerra. Sarà un evento unico. Per la prima volta i luoghi dell’inferno che, cento anni fa, strapparono la vita a centinaia di migliaia di giovani italiani ed europei si trasformeranno nei luoghi della speranza e dell’impegno.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina a Roma dai rappresentanti del comitato promotore che ha avuto il patrocinio del Senato della Repubblica e la collaborazione del Ministero dell’Istruzione.

Il Meeting di pace, che vede la collaborazione di oltre duecento istituzioni, si aprirà venerdì 17 aprile 2015 a Udine e si concluderà il giorno dopo nelle trincee della prima guerra mondiale di Monfalcone, Fogliano Redipuglia, Sagrado, Savogna d’Isonzo, Gorizia, Nova Gorica, Drenchia, Tolmin.

La mattina del 17 aprile 2015 (ore 10-13.00) si svolgeranno 10 laboratori sulla pace e sulla guerra. Alle ore 15.00 prenderà avvio una marcia per la pace che si concluderà alle 16.00, nel castello di Udine, con una grande assemblea di tutti i partecipanti.

Sabato 18 aprile, dalle 9.30 alle 13.00 i giovani s’incontreranno nelle trincee per dare voce alla pace, contro tutte le guerre, il terrorismo e la violenza. Sarà un’esperienza unica ed emozionante. Dopo aver fatto memoria del passato e aver commemorato le vittime di tutte le guerre, i giovani rifletteranno sui conflitti che ancora oggi dilaniano il pianeta e sulle iniziative di pace che dobbiamo assumere. Sarà un intreccio di parole e silenzi, canti e musiche, poesie e interventi teatrali. Le trincee del secolo passato stimoleranno una riflessione sulle trincee dei nostri giorni e ascolteranno la presentazione di idee, proposte e impegni ma anche dubbi e preoccupazioni: cosa dobbiamo fare per chiudere l’epoca della grande guerra e incamminarci sulla via della pace?

Segue il programma del Meeting: Programma Meetingdipace14

Le dichiarazioni dei partecipanti alla Conferenza Stampa: Le dichiarazioni

 

Ufficio stampa:

Comitato promotore Meeting di Pace, via della Viola 1 (06122) Perugia

Tel. 075/5722479 – M 335 1401733 (Amelia Rossi) – Fax 075/5721234

Un commento per 3000 giovani contro il silenzio complice

  1. […] 3000 giovani contro il silenzio complice sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.