Sostieni anche tu l’iniziativa “Tavole Solidali” a sostegno dei migranti transitanti a Roma promossa da diverse realtà dell’economia solidale ed altre organizzazioni che si sono volute attivare per questa iniziativa. Invia una mail per l’adesione, e invita i tuoi amici a partecipare al gruppo fb creato per coordinare l’iniziativa: https://www.facebook.com/tavolesolidali. Il calendario degli eventi e delle iniziative sarà aggiornato in questo spazio.

ROMA È SOLIDALE. I cittadini romani, le associazioni e le reti della solidarietà che scaldano il cuore di Roma sono vicini a quelle persone che hanno perso tutto e sofferto dolori a noi sconosciuti: i migranti.

Roma è accogliente; Roma è la capitale di un mondo in cui tutti siamo cittadini/e uguali e con pari diritti. Cittadini attivi e realtà di economia sociale e solidale hanno quindi avviato una serie di azioni di solidarietà temporanea, gesti semplici e possibili, di pura umanità, che mettano al centro la relazione con queste persone che vivono in condizione di marginalità.

COSA POSSIAMO FARE:

Le azioni di solidarietà:

1 #unpostoatavola. Invita a pranzo uno o più ospiti, è la tavola il momento della convivialità, della fratellanza; queste persone non hanno solo bisogno di sfamarsi, ma di calore e relazioni umane. Hanno diritto al piacere di un cibo condiviso in maniera conviviale, che non sia chiuso in una busta di cellophane o in una scatola di latta, ma acquistato con attenzione e cucinato con cura; tirate fuori il servizio buono e la tovaglia della domenica.

2 #tavolesolidali. Pranzi e cene solidali in osteria, nelle nostre sedi, nei luoghi che saranno disponibili. Metti a disposizione le tue capacità, il tuo locale o partecipa portando un piatto.

CHI PUO ADERIRE: chiunque. Le singole famiglie, le associazioni, ong, cooperative sociali, reti territoriali esperienze di economia solidale, etc. 

CALEDARIO DEI PROSSIMI APPUNTAMENTI:

4 FEBBRAIO: ASSOCIAZIONE GENITORI – POLO INTERMUNDIA via Bixio dalle 19

14 FEBBRAIO: SEDE SLOW FOOD ROMA via Petrarca,3 dalle ore 18:00

22 FEBBRAIO: CONSIGLIO METROPOLITANO PARTECIPATO con Circolo Decrescita Felice, via Giolitti 231 (da confermare)

CASA DELLE DONNEogni sabato a pranzo

Per aderire o per informazioni invia una mail a: accoglienzasolidale@gmail.com, https://www.facebook.com/tavolesolidal

A oggi hanno aderito: Baobab Experience, Polo Intermundia, Associazione Genitori Di Donato, Slow Food Roma, GASquilino, La Casa delle Donne, Comune-info, Comitato Piazza Vittorio Partecipata, Consiglio metropolitano partecipato ,Assobotteghe, Cooperativa Garibaldi, Forum Terzo Settore Lazio, GAS Mondi Possibili, FairWatch, Laboratorio Itinerante Decrescita Roma, Movimento Decrescita Felice Roma, GASpita, Reorient, Radio Impegno, Genimperfetti, GAStestaccio, Cives Onlus, MeG Olio Extravergine, GASper, La Fattorietta, Spazi Immensi, Circolo Legambiente Mondi Possibili, No Spreco Alimentare Invenduto Solidale.

Un commento per 4, 14 e 22 febbraio “Tavole Solidali” a Roma, a sostegno dei migranti, partecipa anche tu!

  1. […] 4, 14 e 22 febbraio “Tavole Solidali” a Roma, a sostegno dei migranti, partecipa anche tu! sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.