Violenza, bullismo, cyberbullismo, intolleranza, razzismo…Perché la scuola non interviene? Mai come oggi appare evidente l’urgenza di educare i nostri ragazzi alla cittadinanza, alle regole del vivere e del convivere, del rispetto degli altri e dell’ambiente in cui viviamo. Nelle scuole si fanno molte cose. Ma cosa significa veramente “educare alla cittadinanza”? Come si può fare in modo serio ed efficace? Quali sono le indicazioni che ci arrivano dall’Europa e dalle organizzazioni internazionali? Quali sono i traguardi formativi di ciascun ordine scolastico? Quali pratiche didattiche è meglio usare? E soprattutto: Come si deve formare oggi il cittadino di domani?

Per rispondere a queste domande, il 5 e 6 aprile 2019 si svolgerà un originale Laboratorio regionale di formazione e ricerca intitolato “Cittadinanza 2030 – Progettiamo insieme l’educazione del futuro”. Il Laboratorio, che si terrà presso il Centro di accoglienza Ernesto Balducci di Zugliano (UD), vedrà la partecipazione di decine di docenti e dirigenti scolastici del Friuli Venezia Giulia e sarà basato sulla rilettura e valorizzazione delle esperienze concrete di educazione alla cittadinanza, alla pace e ai diritti umani realizzate nelle scuole tra il 2014 e il 2018. Interverranno tra gli altri: Italo Fiorin, Coordinatore del Comitato Scientifico per l’attuazione delle Indicazioni Nazionali del Miur; Aluisi Tosolini, Dirigente Scolastico, Coordinatore della Rete Nazionale delle Scuole di Pace; Marco Mascia, Direttore del Centro Diritti Umani “Antonio Papisca” dell’Università di Padova; Flavio Lotti, Coordinatore del Programma “Dalla Grande Guerra alla Grande Pace”. Importanti contributi per la progettazione del prossimo anno scolastico verranno da: Michela Monferrini, autrice del libro “Muri Maestri” e da Carlo Greppi, autore del libro “L’età dei Muri” che introdurranno il programma “Abbattiamo i muri”, di Luigina Mortari, dell’Università di Verona. Luigina Mortari inoltre presenterà il programma “Io ho cura”, di don Pierluigi Di Piazza, Presidente del Centro Ernesto Balducci, il quale a sua volta introdurrà il programma “Ricostruiamo la fratellanza”. Particolarmente significativo sarà il contributo di Giuseppina Paterniti, Direttrice TG3 RAI che affronterà il nodo del rapporto tra “Le sfide educative e il servizio pubblico radiotelevisivo”. Parteciperanno anche numerosi amministratori locali, particolarmente interessati all’educazione dei propri concittadini: Marco Duriavig, Presidente del Coordinamento Regionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani del Friuli Venezia Giulia, Alenka Florenin, Sindaco di Savogna d’Isonzo (Go), Marco Vittori, Sindaco di Sagrado (Go), Alfonso
Colombatti,
Comune di Aviano (Pn), Claudio Zani, Sindaco di Faedis (Ud).

Il Laboratorio è parte del Programma di educazione alla pace e alla cittadinanza “Dalla Grande Guerra alla Grande Pace” realizzato in collaborazione con la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, l’Ufficio
Scolastico Regionale, il Coordinamento Regionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, la Rete nazionale delle scuole per la pace e i diritti umani e la Tavola della pace.

Per informazioni o per adesioni contattare:

Coordinamento Nazionale degli Enti locali per la Pace e i Diritti Umani

M. 335.1431868 T. 075/5722148 WEB. lamiascuolaperlapace.it



Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.