Sosteniamo e appoggiamo la raccolta di firme online lanciata da Antimafia Duemila insieme a Salvatore Borsellino rivolta al Consiglio superiore della magistratura per chiedere la nomina di Nino Di Matteo a procuratore aggiunto di Palermo.Riteniamo sia un traguardo importante da raggiungere soprattutto per il nostro futuro.

OLTRE 30.000 ADESIONI – FIRMA LA PETIZIONE QUI!: http://www.antimafiaduemila.com/2014053049764/giorgio-bongiovanni/appello-al-csm-nominate-nino-di-matteo-procuratore-aggiunto-di-palermo.html

di Salvatore Borsellino e Giorgio Bongiovanni– 30 maggio 2014

Ai primi di marzo di quest’anno il plenum del Consiglio Superiore della Magistratura ha modificato l’art. 8 della circolare sulle Direzioni distrettuali antimafia nelle procure.

La direttiva del Csm restringe ai soli magistrati della Dda la possibilità di effettuare indagini su Cosa Nostra.

Questa circolare estromette di fatto i pm Nino Di Matteo, Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene dalle nuove indagini sulla trattativa Stato-mafia.

Successivamente alla notizia della divulgazione di quella circolare il procuratore di Palermo, Francesco Messineo aveva assicurato che avrebbe scritto al Csm attraverso la procedura del “quesito” per chiedere esplicitamente una via di uscita alla rigidità di quella direttiva.

Alcuni giorni fa la richiesta del Procuratore è stata finalmente ufficializzata.

In un punto della lettera si fa riferimento alla questione trattativa (pur senza nominarla) in merito alla coassegnazione di nuovi filoni investigativi tra magistrati Dda e magistrati non Dda.

Di fatto viene sottolineata l’importanza di non disperdere il patrimonio conoscitivo dei magistrati che non fanno parte della Dda “in ossequio al principio di continuità nell’assegnazione delle indagini per un medesimo fatto”.

L’istanza di Messineo al Csm rappresenta quindi l’ultimo tentativo di evitare che indagini delicatissime si arrestino ripartendo da zero nelle mani di nuovi magistrati che devono leggere centinaia di migliaia di pagine, con il conseguente rischio della prescrizione.

La società civile si appella quindi al Csm affinché risponda positivamente alla richiesta del procuratore Messineo dando ugualmente un segnale forte: nomini Nino Di Matteo procuratore aggiunto di Palermo!

Salvatore Borsellino

Giorgio Bongiovanni e tutta la redazione di Antimafia Duemila

 change-logo-gif

 

 

Tra i primi firmatari della petizione al Csm promossa da Salvatore Borsellino e Antimafia Duemila ci sono: la regista e attrice Sabina Guzzanti; il Vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio; la cantante Fiorella Mannoia; il regista Gianluca Tavarelli; la figlia di Mauro Rostagno, Monica Rostagno; le fotografe palermitane Letizia Battaglia e Shobha; l’associazione culturale italo-tedesca Mafia Nein Danke; l’ex autista di Rocco Chinnici, GiovanniPaparcuri; l’ex ispettore della Dia, Pippo Giordano, il giudice paraguaiano Jorge Figueredo e il giudice argentino Juan Alberto Rambaldo; la presidente del Coordinamento Nazionale Antimafia, Adriana Musella, il senatore Cinquestelle Mario Giarrusso, la deputata Cinquestelle Giulia Sarti e la deputata Cinquestelle all’Ars, Gianina Ciancio; il testimone di giustizia IgnazioCutrò, lo scrittore Augusto Cavadi; Padre Cosimo Scordato; i giornalisti Marco Travaglio, Saverio Lodato, Sandra Amurri, Giuseppe Pipitone, Pino Maniaci ed il noto giornalista uruguaiano Georges Almendras.
La cantautrice, attivista e Testimonial per la Pace, Agnese Ginocchio, il pittore antimafia, Gaetano Porcasi, il padre di Gianluca Congiusta, Mario Congiusta, la madre di Attilio Manca, Angelina Manca, il presidente dell’osservatorio antimafia del Veneto, Enzo Guidotto.
Diversi i firmatari che da più parti del mondo hanno sottoscritto la petizione: in Europa alcune firme sono pervenute da SpagnaOlanda, Belgio, Germania, Francia, Austria,InghilterraScozia, SvizzeraDanimarcaNorvegia, ma molte di queste provengono anche da oltreoceano: dall’Australia, dagli Stati Uniti e dal Sud America.
Altre info su “Il Fatto”   http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/03/mafia-petizione-online-per-pm-nino-di-matteo-csm-lo-nomini-procuratore-aggiunto/1010614/
In soli tre giorni sono state raccolte oltre 7000 firme. Il magistrato bersaglio continuo delle minacce della mafia e in particolare di Totò Riina è sottoposto al massimo livello di protezione e nei suoi confronti sono molte le iniziative di sostegno. L’ultima è questa promossa da Salvatore Borsellino e Antimafia Duemila

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.