La campagna “NO F35” a Governo e Parlamento: fermate il programma dei caccia. La campagna “Taglia le ali alle armi” invita ancora una volta il Parlamento a compiere la scelta giusta sul programma dei cacciabombardieri F-35: impegnare il Governo ad una cancellazione o quantomeno sospensione del
programma.

Nei prossimi giorni la Campagna diffonderà un nuovo Rapporto con tutti i numeri e i dati della partecipazione italiana al Joint Strike Fighter. Le ultime notizie relative alle problematiche tecniche provenienti dagli Stati Uniti hanno riportato in questi giorni di nuovo molta attenzione sulla questione del cacciabombardiere F-35 e sulla partecipazione italiana al programma. La campagna “Taglia le ali alle armi” torna quindi a mobilitarsi per supportare a tutti i livelli la propria consolidata richiesta di abbandono del programma.
La questione degli F-35 ha molteplici risvolti: sono in gioco il modello di Difesa del nostro
Paese e le sue politiche di spesa militare, ma più in generale l’impostazione strategica che
guida le scelte economico-finanziarie del Governo e l’impiego delle risorse pubbliche in
una fase di crisi economica e sociale drammatica per gran parte dei cittadini italiani. I
costi fuori controllo, le problematiche tecniche, i tempi sempre più allungati, ma
soprattutto l’uso di uno strumento di attacco che mal si concilia con la nostra
Costituzione e con un modello di Difesa che ancora non è stato ridiscusso dimostrano
come la battaglia per la cancellazione degli F-35 sia ancora oggi fondamentale e di
buon senso.
E’ quindi importante che il rinnovato interesse sul programma JSF non sia circoscritto
solamente all’opinione pubblica, ma che stia trovando prime rispondenze anche in
ambito politico ed istituzionale. La nostra Campagna valuta positivamente la
presentazione di alcuni documenti parlamentari a firma di alcuni esponenti dei gruppi
del Partito Democratico, del Movimento 5 Stelle e di Sinistra Ecologia e Libertà volti a
richiedere approfondimenti sui dati del programma e a proporre all’esecutivo una
decisione di cancellazione (dettagli in coda al comunicato).
La nostra campagna “Taglia le ali alle armi” torna invece a sottolineare, come già in
passato, che:
– occorre assegnare al Parlamento la titolarità ad esprimersi sulle scelte del
Governo relative allʼacquisto di nuovi sistemi dʼarma;
– occorre impostare per il programma F-35 unʼattenta e puntuale verifica degli
impegni contrattuali già intercorsi con i relativi costi ed il reale impatto per
lʼItalia del programma F-35, in particolare per lʼaspetto di ritorno
occupazionale;
– occorre procedere ad una inversione di rotta rispetto alla partecipazione
italiana al programma F-35 cancellandola o quantomeno sospendendone
immediatamente gli effetti;
Tutte scelte che si possono ancora compiere, nonostante la votazione delle mozioni
presentate nel 2013 sia stata invece presentata come una “decisione definitiva”. In realtà,
per la struttura stessa del programma, è ancora possibile non procedere all’acquisto di
nuovi aerei (salvo quelli già comprati, alcuni dei quali a nostro parere a dispetto delle
stesse votazioni parlamentari) ed arrivare anche a cancellare interamente la
partecipazione italiana al caccia F-35. Con un recupero di una grossa fetta di fondi pubblici
che potrebbero in alternativa essere destinati al varo di un piano del lavoro per
creare nuova occupazione, alla messa in sicurezza del nostro territorio, al
rafforzamento delle politiche sociali, alla scuola, all’università, ai servizi sociali per
le famiglie.
Per tutti questi motivi “Taglia le ali alle armi” rinnova la richiesta al Governo di
procedere alla cancellazione della partecipazione al programma F-35. Per arrivare a
questo la Campagna richiede al Parlamento di presentare (nella maniera più ampia e
congiunta possibile) documenti d’indirizzo che possano impegnare il Governo in
tale direzione (con sospensione delle acquisizioni previste dal programma, anche
quelle tecnicamente conseguenti a precedenti acquisti ma non ancora formalizzate
contrattualmente).
La Campagna “Taglia le ali alle armi” è a disposizione di tutti i gruppi politici che,
convinti di tale direzione, avessero necessità di accedere ai dati del programma Joint
Strike Fighter e della partecipazione italiana ad esso. In tal senso la Campagna sta per
rilasciare un nuovo Rapporto contenente le analisi e documentazioni più aggiornate,
documento che verrà presentato durante una conferenza stampa pubblica il prossimo
18 febbraio.
***
Le analisi e i documenti della Campagna “Taglia le ali alle armi” contro la partecipazione
italiana al progetto F-35 sono raggiungibili all’indirizzo
www.disarmo.org/nof35

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.