Roma, 24 luglio 2013 –  La Giuria del Premio per opere grafiche “Dichiariamo illegale la povertà”, composta da: Riccardo Petrella (Campagna DIP), Nicoletta Teodosi (campagna DIP – CILAP), Patrizia Caiffa (giornalista e scrittrice), Eugenio Melandri (Direttore di Solidarietà internazionale), Guido Barbera (presidente Cipsi), Andrea Folloni (grafico), riunitasi più volte a Roma presso la sede di Solidarietà e Cooperazione Cipsi nei giorni 5 giugno, 22 giugno e 23 luglio 2013 ha deliberato di:

  1. ringraziare tutti coloro che hanno partecipato: è un atto concreto e significativo del loro impegno etico per un mondo più giusto di solidarietà e giustizia;
  2. proclamare vincitore del primo premio l’opera pervenuta di Gianni Tamburini dell’Agenzia Menabò. L’opera verrà pubblicata in Copertina del Calendario e per illustrare un mese del calendario;
  3. decidere le altre opere selezionate  per la pubblicazione per illustrare i mesi del calendario e che sono quelle di:

Sophie Barbeyron della scuola Pertini di Lucca;

Francesca Barbieri,

Pier Paolo Cortopassi della scuola Pertini di Lucca,

Cecilia Fabbri,

Gianluca Rondoni,

Andrea Sansavini,

Daniel Scodro,

Lisa Tagliaferri,

Lisa Tagliaferri – Serena Focaccia

Vladimir Sabillon

Pietro Vecchi.

Ogni anno la rivista Solidarietà Internazionale pubblica il suo calendario e, dopo quello sul premio Nobel alle donne africane nel 2012 e quello sulle bandiere della pace attraverso l’opera pittorica di Claudio Marini nel 2013, quest’anno  dedica la sua attenzione alla Campagna Banning Poverty 2018 – Dichiariamo illegale la povertà! La povertà si combatte a partire dalla condivisione, ed è per questo che il calendario illustrerà graficamente e redazionalmente i temi della campagna.

Per maggiori informazioni potete consultare il sito www.banningpoverty.org e www.cipsi.it

Ufficio Stampa, Nicola Perrone, cel. 329.0810937

 

Roma, 24/07/2013

 

——————————————

LA GIURIA PROPROGA LA SCADENZA PER LA PRESENTAZIONE DELLE OPERE AL 20 GIUGNO 2013.  LE OPERE POSSONO ESSERE INVIATE SOLO VIA MAIL a info@cipsi.it!  INVITIAMO A PARTECIPARE PER LOTTARE CONTRO LA POVERTA’!

Roma, 6 giugno 2013 – La Giuria del Premio per opere grafiche “Dichiariamo illegale la povertà” si è riunita a Roma presso la sede di Solidarietà e Cooperazione Cipsi mercoledì 5 giugno, e ha deliberato di:

1. ringraziare tutti coloro che hanno partecipato: è un atto concreto elemento significativo del loro impegno etico per un mondo più giusto di solidarietà e cooperazione;

2. prorogare la scadenza del Bando al 20 giugno 2013,  sulla base di alcune richieste di artisti grafici che chiedevano più tempo per partecipare al Bando, e per facilitare la partecipazione il più possibile.

3. svolgere la fase finale per deliberare i vincitori in data  il 22 giugno 2013 a Roma;

4. decidere che le opere selezionate, e tutte quelle nuove che perverranno, dovranno contenere  testi in italiano e  dovranno essere in una versione da pubblicare in formato orizzontale A4 (210×297).

5. Il tutto dovrà pervenire solo per via informatica entro il 20 giugno  all’indirizzo mail: info@cipsi.it

Per ulteriori informazioni telefonare o scrivere: per gli aspetti grafici, formati,  e per opere già inviate o da ritoccare come indicato, ad Andrea Folloni allo 06.541.48.94; per info sui contenuti della Campagna a Nicola Perrone, cel. 329.0810937 rivista@cipsi.it.

La Giuria è composta da: Riccardo Petrella (Campagna DIP), Nicoletta Teodosi (campagna DIP – CILAP), Patrizia Caiffa (giornalista e scrittrice), Eugenio Melandri (Direttore di Solidarietà internazionale), Guido Barbera (presidente Cipsi), Andrea Folloni (grafico).

Guido Barbera, nell’annunciare il proseguimento di questa iniziativa, ha dichiarato: “Questa Campagna ‘Dichiariamo illegale la povertà’ è fondamentale, in un momento di crisi economica come l’attuale, per lottare contro la povertà e pressare i governi di tutti i paesi del mondo a prendere provvedimenti per tutelare il diritto alla vita, passare dall’attuale precarietà dell’esistenza  al valore della vita, attraverso un impegno che combatte i fattori strutturali dell’impoverimento. Partecipare a questo Bando ha un grande valore etico, è un modo per condividere i valori dei beni comuni, della lotta alla finanza “predatrice”, del costruire una comunità giusta e solidale, contro ogni forma di povertà. Nel calendario desideriamo comunicare cosa è la povertà, quali sono le fabbriche dell’impoverimento, le soluzioni proposte finora che hanno fallito e le proposte della campagna per Dichiarare illegale la povertà”.

Ogni anno la rivista Solidarietà Internazionale pubblica il suo calendario e, dopo quello sul premio Nobel alle donne africane nel 2012 e quello sulle bandiere della pace attraverso l’opera pittorica di Claudio Marini nel 2013, quest’anno  dedica la sua attenzione alla Campagna Banning Poverty 2018 – Dichiariamo illegale la povertà! La povertà si combatte a partire dalla condivisione, ed è per questo che vogliamo coinvolgere scuole di grafica, istituti e creativi per illustrare con la realizzazione di un poster i temi della campagna, per realizzare un calendario che ogni mese illustri i motivi e muova all’azione e alla conoscenza dei temi della Campagna (scaricate e leggete il Bando sul sito www.cipsi.it).

Per maggiori informazioni potete consultare il sito www.banningpoverty.org e www.cipsi.it

Ufficio Stampa, Nicola Perrone, cel. 329.0810937

————-

Roma, 21 maggio  2013

INVIO OPERE ANCHE SOLO VIA MAIL a info@cipsi.it!

Bando per la realizzazione di opere grafiche per illustrare il calendario 2014 della rivista Solidarietà Internazionale del Cipsi. Campagna “Dichiariamo illegale la povertà” – Banning Poverty 2018! Scadenza: 31 maggio 2013 – Diffondete e partecipate! PER FACILITARE LA PARTECIPAZIONE LE OPERE GRAFICHE POSSONO ESSERE INVIATE ANCHE VIA MAIL (IN DEROGA AL BANDO)all’indirizzo info@cipsi.it . Ultimi giorni per partecipare!
Guido Barbera, presidente di Solidarietà e Cooperazione CIPSI – coordinamento di 40 associazioni di solidarietà internazionale – ha annunciato il lancio di un Bando per la realizzazione di opere grafiche, in particolare poster e manifesti, per illustrare il calendario 2014 della rivista bimestrale Solidarietà internazionale di Solidarietà e Cooperazione Cipsi. L’argomento del Bando è la Campagna internazionale Banning Poverty 2018 “Dichiariamo illegale la povertà”, lanciata in Italia da un gruppo di promotori e promotrici tra i quali Riccardo Petrella, Bruno Amoroso, Patrizia Sentinelli, Roberto Musacchio, il Monastero del Bene Comune di Sezano, ecc., Il Cipsi e la rivista Solidarietà internazionale aderiscono a questa Campagna come promotori.
Ogni anno la rivista Solidarietà Internazionale pubblica il suo calendario e, dopo quello sul premio Nobel alle donne africane nel 2012 e quello sulle bandiere della pace attraverso l’opera pittorica di Claudio Marini nel 2013, quest’anno vuole dedicare la sua attenzione alla Campagna Banning Poverty 2018 – Dichiariamo illegale la povertà! La povertà si combatte a partire dalla condivisione, ed è per questo che vogliamo coinvolgere scuole di grafica, istituti e creativi per illustrare con la realizzazione di un poster i temi della campagna, per realizzare un calendario che ogni mese illustri i motivi e muova all’azione e alla conoscenza dei temi della Campagna (scaricate e leggete il Bando sul sito www.cipsi.it).
La Campagna Banning Poverty 2018 – Dichiariamo illegale la povertà ha l’obiettivo di mettere fuorilegge i processi alla base dell’impoverimento. Ha uno scopo principale: che l’Assemblea generale dell’Onu nel 2018 – 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani – approvi una risoluzione nella quale si proclami l’illegalità di quelle leggi, istituzioni e pratiche sociali e collettive che sono all’origine e alimentano la povertà nel mondo. Dal 2013 al 2018 verranno condotte in molti paesi dei cinque continenti, compresa l’Italia, campagne di sensibilizzazione e di azione, per concretizzare la messa fuorilegge delle cause dell’impoverimento. Sono tre le campagne individuate: a) mettiamo fuorilegge la finanza “predatrice”; b) diamo forza a un’economia fondata sui beni comuni; c) costruiamo le comunità dei “cittadini”. Per maggiori informazioni potete consultare il sito www.banningpoverty.org e www.cipsi.it
Guido Barbera, nell’annunciare questa iniziativa, ha dichiarato: “Questa Campagna ‘Dichiariamo illegale la povertà’ è fondamentale, in un momento di crisi economica come l’attuale, per lottare contro la povertà e pressare i governi di tutti i paesi del mondo a prendere provvedimenti per tutelare il diritto alla vita, passare dall’attuale precarietà dell’esistenza al valore della vita, attraverso un impegno che combatte i fattori strutturali dell’impoverimento. Partecipare a questo Bando ha un grande valore etico, è un modo per condividere i valori dei beni comuni, della lotta alla finanza “predatrice”, del costruire una comunità giusta e solidale, contro ogni forma di povertà”.
La Giuria è composta da: Riccardo Petrella (Campagna DIP), Nicoletta Teodosi (campagna DIP – CILAP), Patrizia Caiffa (giornalista e scrittrice), Eugenio Melandri (Direttore di Solidarietà internazionale), Guido Barbera (presidente Cipsi), Andrea Folloni (grafico).

Leggi Il Bando: https://dl.dropboxusercontent.com/u/4872253/Si-Cal-2014_bando.pdf

Ufficio Stampa, Nicola Perrone, cel. 329.0810937

Tagged with →  

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.