Campagna LasciateCIEntrare: piena e totale solidarietà ad Ospiti in Arrivo. Arrestateci tutti!

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato 2016, la campagna “Lasciateci Entrare” rilancia le proprie iniziative per chiedere a Italia ed Europa la chiusura degli hot-spots e delle politiche di accoglienza rispettose dei diritti umani dei rifugiati. Per chi volesse, è un’occasione per aderire alla petizione e diffondere la campagna alla propria mailing-list.

“Quello che stiamo quotidianamente registrando è uno scenario al quale non pensavamo saremmo mai arrivati. Certo, i segnali c’erano. Si percepivano. Ma quelle pagine del PM della procura di Udine sono qualcosa alla quale forse non eravamo così preparati. Sono qualcosa che colpisce nel profondo. Colpisce le motivazioni che muovono tutti noi a fare ciò che facciamo da anni, in diverso luoghi in analoghe circostanze. Quello di sentirci al fianco dei più deboli, di soggetti vulnerabili, di uomini e donne e bambini che vediamo “passare” da anni con il loro carico di storie, di dolori, di orrori. E quel carico ora si fa doppio. Perchè all’indifferenza ora si somma una decisione, un atto “politico”. Quello di incriminare chi non accetta quell’indifferenza e che fa quel “qualcosa” che dovrebbe essere di competenza di qualcun altro.

E allora ARRESTATECI TUTTI.

Perché allora è vero, siamo tutti colpevoli di mancata indifferenza, di colpevole vicinanza, empatia con chi vediamo scappare da paesi in guerra, o da fame e povertà, o da regimi, o semplicemente da vessazioni che nessuno, nessuno di noi sopporterebbe mai in paesi “civili”.

Arrestateci perché crediamo che questo mondo e questa visione di mondo non sia la nostra, non sia sopportabile, condivisibile.

Arrestateci perché a fianco di un migrante non vogliamo vedere un poliziotto in divisa anti-sommossa, ma un mediatore preparato, un avvocato onesto e competente, una struttura dignitosa ed accogliente.

Arrestateci perché pensiamo che i loro diritti siano inscindibili dai nostri diritti.

Arrestateci, zittiteci, eliminateci, condannateci. 

Come lo Stato italiano sta facendo a quei migliaia di migranti che arrivano sulle nostre coste, e che anzichè essere visti come una risorsa sono depredati dei loro diritti, della loro dignità, di una speranza, di un paese che li accolga e li protegga.

Arrestateci, ma arrestate anche chi non va per mare a lanciare un salvagente.

Condannate chi anziché aprire una porta la chiude.

Condannate e arrestate chi specula, chi concede e firma appalti senza troppo chiedere, senza troppo verificare se legalità e umanità sono termini validanti di un appalto, oppure se si può derogare anche su questo quando l’assistenza non è gratuita ma ben retribuita.

Allora sì, arrestateci tutti. 

E oggi, la nostra piena e totale solidarietà agli amici di OSPITI IN ARRIVO.”

Per informazioni:

Mail:info@lasciatecientrare.it

Site: lasciatecientrare.it

  1. LasciateCIEntrare
  2. @MaipiùCIE

Per condividere la notizia: http://goo.gl/NRE12i

Per firmare la petizione su Change.org: https://goo.gl/jcdIXO

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.