Anche il Cipsi e la rivista Solidarietà internazionale aderiscono a questo appello dell’Iniziativa Dichiariamo Illegale la Povertà!
Al Presidente del Senato – Senatore Pietro Grasso
Alla Presidente della Camera – Onorevole Laura Boldrini

ESPULSIONE DEL SENATORE CALDEROLI DAL PARLAMENTO ITALIANO
Appello alla coscienza umana e civile del popolo italiano
Noi gruppo promotore dell’Iniziativa Dichiariamo IIlegale la Povertà – Banning Poverty 2018, richiediamo che il vicepresidente del Senato, il Senatore Calderoli cioè il vice secondo più alto personaggio della Repubblica, sia espulso dal Parlamento perché indegno di continuare a rappresentare la Repubblica Italiana ed il popolo italiano a seguito delle sue dichiarazioni razziste e maschiliste brutali sulla Signora Cècile Kyenge, “nera africana e donna”, ministra della Repubblica Italiana.
Accettare che resti membro del Parlamento significa da parte di tutti noi, condividere lo sfregio fatto alla dignità umana, alla dignità del Parlamento, alla dignità degli italiani. Inoltre accettare scuse, rettifiche od altre soluzioni ipocrite dette di riparazione significa da parte nostra accettare, l’indifferenza nei confronti della violazione aperta ed esplicita dei principi di onore e di rispetto della Costituzione italiana.
Via il senatore Calderoli dal parlamento che ha disonorato. Via l’indegnità dal Parlamento italiano.

Dichiariamo Illegale la Povertà-Banning Poverty 2018
Gruppo Promotore
Adami Gloria (Cospe, Verona), Amoroso Bruno (Centro studi economico F. Caffé, Univ. Di Roskilde, DK), Angelucci Elisabetta (Nuovi Stili di Vita, Reggio Emilia), Bacciotti Elisa (Oxfam Italia), Baranes Andrea – Morreale Antonio (Fondazione Culturale Responsabilità Etica, Roma), Barbera Guido (Cipsi-Coordinamento di Iniziative Popolari di Solidarietà Internazionale, Roma), Bertell Lucia (Cooperativa Studio Guglielma, Verona)Capecchi Vittorio (Università di Bologna), Ceriani Giovanni (Work in Progress, Verona), Ciervo Margherita (Comitato Pugliese Acqua Bene Comune), Ciotti Luigi (Gruppo Abele – Libera), Cruccolini Eros (Sinistra per Firenze), Francuccio Gesualdi (Coordinamento Centro Nuovo Modello di Sviluppo), Ghibelli Pierluca (Consorzio Cooperative Sociali CGM, Roma), Kidané Elisa-Cugini Jessica (Rivista Combonifem, Verona), Libanti Paola – Mazzer Alessandro (Ass. Monastero del Bene Comune), Maruca Stefano (Fiom), Menin Mario (Rivista Missione Oggi, Brescia), Mestrum Francine (Global Justice Network, Bruxelles), Melandri Eugenio (Ass.Chiama l’Africa), Mileto Palmiro – Gonzales Enrico (Comboniani, Bari), Musacchio Roberto (Ass. Osservatorio Europa, Roma), Nicoletto Silvano (Comunità Stimmatini di Sezano, Verona), Perrone Nicola (Rivista Solidarietà internazionale, Roma), Petrella Riccardo (Università del Bene Comune, Bruxelles), Petrucci Giampaolo (Agenzia di stampa Adista, Roma), Rossi Achille – Rossi Enzo (Rivista L’Altrapagina, Città di Castello), Sentinelli Patrizia (Ass. Altramente, Roma), Spanti Demetrio (Scuole per il bene comune), Teodosi Nicoletta (Collegamento Italiano Lotta alla Povertà, Roma – European Anti Poverty Nework), Tresoldi Efrem – Zordan Raffaello (Rivista Nigrizia, Verona), Vermigli Antonio (Rete Radié Resch), Zanotelli Alex (Rivista Mosaico di Pace)

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.