CILD chiede al premier Renzi di ripristinare Mare Nostrum. La protezione delle vite umane e dei diritti delle persone è per noi fondamentale.

Per questo le 30 organizzazioni che compongono la CILD chiedono al Presidente del Consiglio di ripristinare il programma Mare Nostrum.

Ecco il testo della petizione che potete firmare su Change.org: abbiamo bisogno di tutti voi.

Il Mediterraneo ancora una volta ci restituisce corpi di uomini, donne, ragazzi morti assiderati o annegati. Una tragedia che non può essere attribuita soltanto al cinismo di chi ha costretto queste persone a imbarcarsi, nonostante il freddo invernale e le condizioni avverse del mare.

Dopo il naufragio del 3 ottobre 2013 il governo italiano aveva lanciato l’operazione Mare Nostrum, che, attraverso un’attività di ricerca e soccorso in mare, ha avuto il grande pregio di mettere in salvo 170.000 persone durante tutto il periodo in cui è stata in vigore. L’iniziativa con cui l’Unione Europea è subentrata tramite Frontex – l’operazione Triton – non ha più svolto questa funzione di ricerca e salvataggio ma di solo controllo delle frontiere, portando al ripetersi di tragedie.

La CILD – Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti Civili e le Associazioni che ne fanno parte – si unisce a coloro che, organizzazioni della società civile e singoli cittadini, si sono già rivolti al governo per sollecitare un intervento in difesa della vita delle persone costrette ad attraversare il Mediterraneo per sfuggire a guerre e persecuzioni con mezzi di fortuna.

Chiediamo al governo italiano, al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, di  riattivare l’operazione Mare Nostrum e parallelamente premere sull’Unione Europea per la condivisione di questa responsabilità che riguarda le frontiere comuni dell’Unione.

Crediamo sia fuorviante indicare quale problema principale alle morti nel Mediterraneo quello dell’attuale situazione politica in Libia, spostando l’attenzione su questioni diplomatiche e tralasciando così l’urgenza di un intervento immediato che consenta di salvare vite umane.

Ci rivolgiamo al Governo italiano affinché scelga la protezione delle persone anziché quella delle frontiere, unica via efficace per contrastare i trafficanti di esseri umani e impedire la sofferenza collegata alle loro attività.

FIRMA: https://www.change.org/p/matteo-renzi-presidente-del-consiglio-dei-ministri-ripristini-mare-nostrum

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.