CILD: La linea Minniti ha fallito. Cruciale cambiare l’agenda delle politiche migratorie.

“Abbiamo duramente criticato la linea del precedente governo e le sue leggi a riguardo. Abbiamo definito criminale l’accordo con la Libia: oggi bisogna ripartire da qui per un’agenda politica diversa sui fenomeni migratori. Le dichiarazioni di Matteo Orfini a Cartabianca sono un primo segnale positivo”. Commenta così Andrea Menapace, direttore della Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili (CILD) all’indomani delle dichiarazioni del Presidente del Partito Democratico nel corso del programma di Rai3 condotto da Bianca Berlinguer.

Nelle ore in cui si sta formando un governo tra Lega e M5S che promette una linea dura sull’immigrazione, fatta di respingimenti e rimpatri, si riapre il dibattito sugli effetti delle politiche migratorie degli ultimi governi e del ministro dell’Interno Minniti. “L’on. Orfini ha affermato che alcune scelte di governo hanno favorito lo sfondamento a destra, in particolare sulla lettura politica dei fenomeni migratori. Una lettura che oggi sembra condivisa da chi si sta per insediare a Palazzo Chigi. Per fermarne l’arrivo, queste persone sono state esposte a detenzioni illegittime, violenze, abusi e torture. L’Italia ha scelto di chiudere gli occhi. Ma a che prezzo? Serve un’altra strategia” continua Menapace.

Già nel novembre 2017, il Comitato delle Nazioni Unite Contro la Tortura aveva stabilito che il nostro Stato, attraverso gli accordi con la Libia, aveva finanziato gruppi illegali di quel paese per detenere migranti, poi sottoposti a violenze e torture. I sistematici abusi e violenze erano stati evidenziati anche da un rapporto del segretario generale ONU Antonio Guterres lo scorso febbraio.

“Ci accorgiamo ancora di più del paradosso con le inchieste di giornali italiani e stranieri. Grazie alla recente inchiesta di IRPI, oggi sappiamo che l’Italia ha fatto accordi con gruppi che alcune procure – fra le quali proprio quella di Catania – perseguono per altri reati, come il traffico di carburanti. Com’è possibile che queste contraddizioni non vengano affrontate?” conclude Menapace. L’inchiesta menzionata – pubblicata lo scorso mercoledì da Open Migration a cura del collettivo giornalistico IRPI (Investigative Reporting Project Italy) – mette in evidenza come alcuni gruppi libici che l’Italia considera alleati nella lotta all’immigrazione irregolare siano indagati dall’Italia per furto e contrabbando di petrolio, che costa alla Libia 750 milioni di dollari all’anno. L’inchiesta prosegue alcune delle investigazioni della giornalista Daphne Caruana Galizia, assassinata alcuni mesi fa a Malta.

Un commento per CILD: politiche migratorie, la linea Minniti ha fallito

  1. […] CILD: politiche migratorie, la linea Minniti ha fallito sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.