Divisi tra valori di apertura e paura per il futuro, insicurezza economica e disoccupazione. I giovani italiani non sono razzisti o xenofobi per se, ma hanno trovato nei movimenti o partiti populisti di destra un approdo per le loro rabbie e frustrazioni. Con Federico Quadrelli di CILD (Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili) continua il lavoro di ricerca sui valori della società aperta e le sfide del presente: ecco i risultati di una ricerca europea per cui è stato curato il caso italiano: https://cild.eu/blog/2019/04/04/giovani-italiani-divisi-tra-apertura-e-paura-per-il-futuro/

In questi giorni, una delegazione della Coalizione sarà a Madrid per monitorare il processo agli indipendentisti catalani. Nelle scorse settimane aveva già preso parte all’osservazione del processo con una delegazione composta da Patrizio Gonnella presidente di Cild e Susanna Marietti coordinatrice nazionale dell’Associazione Antigone. Ecco quello che hanno avuto modo di vedere finora: https://cild.eu/blog/2019/03/22/quello-che-abbiamo-visto-nel-processo-agli-indipendentisti-catalani/

Infine, a distanza di quasi due anni da quando furono raccolte le 90 mila firme necessarie, la proposta di legge di iniziativa popolare “Ero straniero – L’umanità che fa bene” arriva all’esame della Camera.

C’è tempo fino al 21 aprile per inviare la propria candidatura al corso di empowerment legale per rifugiati, richiedenti asilo e beneficiari di altra forma di protezione “KnowYour Rights” che si terrà da maggio a Roma.

Queste e tutte le iniziative della Coalizione potrete trovarle al link: https://cild.eu

Un commento per CILD: tra apertura e paura per il futuro. Ecco i giovani italiani

  1. […] CILD: tra apertura e paura per il futuro. Ecco i giovani italiani sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]