Concorso per progetti di cittadinanza attiva: “Sapere per un agire comune”. Beni Comuni: pensare globale, agire locale.

Cos’è l’educazione alla cittadinanza mondiale? È l’educazione che contribuisce alla formazione di cittadine e cittadini consapevoli, responsabili e attivi per la promozione del ben-essere nel mondo globale in cui oggi viviamo. Si tratta di un compito particolarmente importante oggi più di sempre, per il contesto storico e sociale in  cui viviamo.

GMA ora propone sul territorio nazionale un concorso per studenti volto a promuovere percorsi ed azioni di CITTADINANZA ATTIVA in età scolare, come affiancamento ai tradizionali percorsi curriculari ed educativo.

Un occasione per passare DAL DIRE AL FARE, per mettere alla prova il SAPERE PER UN’AGIRE COMUNE.

Il concorso si inserisce nella più ampia proposta formativa che GMA sta facendo alle per l’anno scolastico 2013-2014 dedicato ai Beni Comuni. http://www.gmagma.org/educazione-cittadinanza-mondiale/

L’idea consiste nella promozione di attività di cittadinanza attiva e responsabilità da parte delle scuole e delle classi interessate. GMA finanzierà 3 progetti di cittadinanza attiva promossi dagli studenti stessi che rientrino nei tre filoni sopra identificati: beni e individui, beni e diritti, beni e ambiente.

Sono in palio 3 premi volti a promuovere tre iniziative di cittadinanza attiva, che vedono protagonisti i giovani.

La scuola o la classe partecipante dovrà promuovere delle azioni di cittadinanza  attiva e responsabile.

Già nei mesi di Novembre e Dicembre GMA ha organizzato un percorso formativo per insegnanti ed educatori sui beni comuni, affinché possano essere i primi attori di una cultura educativa di cittadinanza globale. GMA, infatti, si  pone in  affiancamento al  percorso educativo degli insegnanti, fornendo spunti di approfondimento e strumenti di lavoro.

Il corso-laboratorio di tre incontri ha avuto come tema i BENI E INDIVIDUI: Tecniche di alfabetizzazione della convivenza nella diversità.

Questo corso e stato tenuto dalle docenti Paola Berbeglia, esperta in intercultura, antropologa, dottore in ricerca in Pedagogia Sperimentale e presidente dell’Associazione CReA e vice-prsidente Cipsi e Alba Ginocchi, psicologa, psicoterapeuta, specialista in Psicologia della Salute e socia fondatrice di CReA.

Attraverso metodi attivi si è lavorato sull’acquisizione di strumenti è tecniche per favorire nei ragazzi la consapevolezza ed il dialogo interiore e la trasformazione di pensieri irrazionali distruttivi e di incapacità.

 

Destinatari:

Scuole e/o classi dalla primaria alla secondaria di secondo grado.

 

Motivazione:

Non basta conoscere i diritti e le cause che generano la povertà.  Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Impariamo a sognare come attraversare il mare.

 

 

Attività da promuovere:

GMA sosterrà progetti che facciano sperimentare azioni di cittadinanza attiva in prima persona. Gli studenti devono sperimentare l’importanza del conoscere, dell’agire e delle sue conseguenze.

 

Tempi:

L’idea progettuale dovrà essere proposta a GMA entro il 31 Dicembre 2013.

Il periodo di realizzazione del progetto di cittadinanza attiva sarà dal 1 Gennaio  al 30 Maggio 2014.

Sarà realizzata una commissione per l’assegnazione del premio che selezionerà il progetto entro il 30 maggio 2014.

Il contributo di GMA di 1000 € andrà a sostegno delle azioni di cittadinanza attiva di cui i partecipanti si renderanno protagonisti e che la commissione riterrà meritorie di un finanziamento.

Tutte le azioni verranno poi presentate alla cittadinanza.

 

Spunti di lavoro:

  • BENI E INDIVIDUI: si intendono azioni in cui gli individui sono “soggetti” attivi, protagonisti di istituzioni e dinamiche democratiche … inedite.

Esempio: corsi di Italiano L2 gestiti da studenti per studenti, corsi di teatro e/o musica come strumento di inclusione sociale, progetti di

 

  • BENI E DIRITTI: Diritti, sostenibilità e solidarietà… racchiudono un mondo di relazioni.. La promozione dei diritti anche nel contesto locale è un’azione fondamentale per promuovere relazioni pacifiche, e per il ben-essere della comunità. Chi sa dimostrare come è possibile?

Esempio: esperienze di affiancamento alle persone escluse o più fragili (disabili, anziani, immigrati…) ed elaborazione di percorsi di condivisione e socializzazione, nonché di promozione dei diritti di tutti. Valorizzazione di culture altre o di  abilità diverse.

 

  • BENI E AMBIENTE: E’ tutto un mondo da vivere il nostro… l’ambiente offre grandi sorprese e grandi risposte alle nostre esigenze! Scopriamolo insieme promuovendo azioni di riciclaggio, scoprendo l’uso e il riuso degli oggetti, promuovendo l’agricoltura sociale… e molto altro!

Esempio: promuoviamo la produzione di oggetti che nascono dal riciclaggio, valorizziamo i giardini delle nostre scuole come luoghi di creazione, culture, colture e socializzazione, puliamo e animiamo gli ambienti comuni in cui viviamo (dai muri delle nostre scuole… ai percorsi pedonali delle nostre municipalità.

 

Per informazioni e approfondimenti:

http://www.gmagma.org/educazione-cittadinanza-mondiale/

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.