sbilanciamoci

Contromanovra Sbilanciamoci! 2017 è on line.

La Legge di Bilancio 2017 è stata approvata in via definitiva al Senato il 7 dicembre con un iter accelerato a causa della crisi di Governo, ma i problemi dell’Italia restano irrisolti. Difficile che il prossimo Governo, possa affrontarli. Se la politica istituzionale non sembra per ora in grado di “cambiare verso”, le 47 organizzazioni di Sbilanciamoci! – tra le quali il Cipsi – non si rassegnano e continuano a costruire dal basso la loro agenda alternativa.
Occupazione buona e utile al paese; lotta contro le diseguaglianze sociali, la xenofobia e il razzismo; garanzia dei diritti sociali universali e di un reddito dignitoso per tutti; equità e progressività fiscale; lotta ai cambiamenti climatici, energie pulite e salvaguardia del territorio; cooperazione tra i popoli e politiche di pace; saperi, ricerca, cultura, nuovi stili di vita e di consumo per una nuova economia e una società più umana, non competitiva, solidale, libera dalla paura: sono queste le priorità perseguite con le analisi e le proposte contenute nel Rapporto di Sbilanciamoci! 2017 da oggi disponibile on line qui: controfinanziaria.sbilanciamoci.org
Alla Contromanovra 2017 a saldo zero da 40,8 miliardi, presentata lo scorso 15 novembre, segue il testo completo del Rapporto che supporta le 115 proposte di politiche alternative con analisi dettagliate su fisco e finanza, politiche industriali, lavoro e reddito, cultura e conoscenza, ambiente, welfare, pace e cooperazione e altraeconomia.
Sulla piattaforma on line controfinanziaria.sbilanciamoci.org una selezione di dati statistici ufficiali accompagna il rapporto e fornisce la fotografia delle priorità che secondo Sbilanciamoci! dovrebbero essere affrontate per utilizzare bene le risorse pubbliche del nostro paese, al guado tra la crisi economica e sociale, che stenta ad arretrare, e quella politica, che alle prime due è strettamente connessa.
Ad esempio, nel 1996 in Europa la tassazione sui redditi più alti delle persone fisiche era in media del 47%, nel 2015 è scesa al 39,3%. In Italia la tendenza è stata la stessa, sia pure meno accentuata: dal 51% la tassazione media dei redditi più alti è scesa al 48,9%. Un dato che racconta una delle tante forme dell’ingiustizia sociale ed economica che attraversa l’Italia e l’Europa: la crisi non ci ha reso solo più poveri, ma anche più diseguali e le scelte politiche adottate dai Governi europei hanno premiato chi ha di più, riducendone il carico fiscale, anziché le fasce di popolazione che si trovano in maggiori difficoltà.
Nei mesi di gennaio e febbraio Sbilanciamoci! presenterà il rapporto in varie città italiane per discutere con associazioni e realtà territoriali le sue analisi e le sue proposte. Sullo sfondo la convinzione che la crisi democratica, economica e sociale non possano essere affrontate senza ribaltare l’attuale rapporto di sudditanza che lega le istituzioni nazionali ed europee ai grandi poteri economici e finanziari. Solo la partecipazione dal basso può fare in modo che ciò diventi possibile.

Info: info@sbilanciamoci.org –  www.sbilanciamoci.org, tel. 06 8841880.

download-1-sbil-2

Un commento per La Contromanovra Sbilanciamoci! 2017 è on line

  1. […] La Contromanovra Sbilanciamoci! 2017 è on line sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.