Solidarietà e Cooperazione Cipsi ha aderito alla Campagna di coinvolgimento popolare per una gestione sovrana del debito. Il debito pubblico si fa sempre più minaccioso. In suo nome ci impongono tasse sempre più alte, ci privano di servizi essenziali, mettono a repentaglio i nostri posti di lavoro. In una parola ci impoveriscono a vantaggio dei signori della finanza.

Ma davvero non abbiamo altra scelta se non pagare impoverendoci? L’unico modo per stabilirlo è smettere di considerare il debito pubblico un tema da tecnici. Smettere di assegnare deleghe in bianco a politici che vediamo solo in televisione o a professori che spuntano fuori dal niente. Dobbiamo riappropriarci del tema per rimettere tutto in discussione. Dalla legittimità del debito all’obbligo di pagare. Dal come stare in Europa a come recuperare sovranità monetaria. Discutendo potremmo giungere a conclusioni di tutt’altro genere, anche se considerate eresie. Come quella di disarmare i mercati o di congelare gli interessi. Idee eretiche che però possono rompere le nostre catene, ridandoci fiducia e speranza.

Ma chi promuoverà la consapevolezza e la partecipazione? Non certo i partiti, le televisioni o i giornali. A loro i cittadini servono acefali. La nostra unica speranza risiede in noi stessi, nella nostra capacità di auto-organizzarci. Ed ecco la campagna “Debito pubblico decido anch’io” lanciata per favorire l’attività dei gruppi locali decisi a promuovere sul proprio territorio l’informazione e l’attenzione sul debito pubblico attraverso le iniziative più varie: dalle rappresentazioni teatrali ai giochi di strada, dai momenti informativi ai dibattiti in consiglio comunale, dal controllo popolare sui bilanci comunali, alle verifiche sulle gare d’appalto.

Il primo obiettivo della campagna è la nascita dei gruppi locali. Spesso stentano a decollare anche solo per mancanza di conoscenza fra i militanti dello stesso territorio. Per questo, invitiamo chiunque condivida la campagna a riempire il formulario che segue. Servirà ad individuare le disponibilità di ciascuno e a facilitare i contatti per la formazione dei nodi locali, a partire dai quali potranno essere organizzati corsi e scambi di esperienze a livello regionale e nazionale.

I dati, gestiti con riservatezza, saranno custoditi dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo ed utilizzati esclusivamente per le finalità della campagna secondo le autorizzazioni rilasciate da ognuno.

decido_anch_io1http://www.cnms.it/categoria-argomenti/iniziative-e-appuntamenti

Un commento per Debito pubblico, decido anch’io!

  1. lino ha detto:

    se posso darei anche io il mio piccolo contributo , di quello che posso

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.