Il 2 febbraio 2013 si è svolta una riunione della Campagna DIP a Roma sulla FINANZA  e il 6 marzo si svolgerà un incontro sugli aspetti editoriali e di coordinamento per definire la Campagna e per la sua diffusione.

La campagna “Dichiariamo illegale la povertà – Banning Poverty 2018” ha l’ambizioso obiettivo di far approvare dall’Assemblea generale dell’Onu nel 2018, 70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, una Risoluzione che dichiari l’illegalità di norme, istituzioni e pratiche all’origine della povertà. Solidarietà e Cooperazione Cipsi ha aderito e dedicherà i dossier della rivista Solidarietà internazionale alla Campagna.

«Noi vogliamo parlare di impoveriti anziché di poveri – ha esordito Riccardo Petrella (Università del Bene Comune, Bruxelles) – vogliamo smitizzare l’idea che la povertà sia “naturale”. Ci sono invece cause strutturali alla sua origine e ciò significa che possano essere eliminate». Patrizia Sentinelli (AltraMente) ha spiegato che bisogna partire da noi stessi: siamo impoveriti materialmente ed anche di democrazia, e ha ricordato che tra gli impoveriti vi sono le “impoverite”. È indispensabile per questo condurre un’azione di sensibilizzazione.

Per Bruno Amoroso (Università di Roskilde, Danimarca) gli impoveriti, gli esclusi, sono andati aumentando ed oggi riguardano il 99% della popolazione. Il potere finanziario, le grandi banche sono un obiettivo della campagna; il paradosso è che l’Unione europea è governata da una banca, la Banca centrale europea, ma non da un governo rappresentativo. Per Alex Zanotelli, comboniano, va combattuta l’idea che i “poveri” siano fannulloni: «Come credente ritengo sia necessario tornare alla tradizione biblica di coltivare il sogno della giustizia».

La campagna intende muoversi, a partire dall’Italia, da tre campi prioritari d’azione: la democrazia, la giustizia economica e sociale, la cittadinanza. Per ognuno di questi campi sono state individuate leggi, istituzioni e pratiche sociali e collettive da mettere fuori legge, attraverso un coinvolgimento delle persone in un percorso da costruire insieme. La dimensione internazionale è assicurata dal coinvolgimento di realtà di diversi paesi a cominciare da Argentina, Quebec, Marocco, Malesia, Filippine, Belgio, sulla base dei contatti sperimentati in questi ultimi anni con la società civile impegnata sulla questione dell’acqua, dei beni comuni, della giustizia sociale, con l’obiettivo di allargare progressivamente la rete.

www.banningpoverty.org; www.facebook.com/dichiariamoillegalelapoverta

Tagged with →  

2 Commenti per Dichiariamo illegale la povertà

  1. giacomo ha detto:

    Mi piace l’idea di poter collaborare a questa bella iniziativa.
    Si può ? Se si quando e come ?
    Grazie e buona giornata !
    Giacomo

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.