“PENSARE GLOBALMENTE agire localmente”: questo è stato il tema del 36esimo Meeting delle Famiglie di GMA, che si è svolto a Montagnana nelle giornate di sabato 13 e domenica 14 settembre.

La tradizionale festa di GMA quest’anno ha visto la collaborazione con la festa del volontariato in piazza il sabato, un esempio perfetto di agire localmente con un pensiero globale.

Due giornate, un unico evento segnato dal sole, dai giovani GMA che anche quest’anno sono stati i protagonisti nella prima giornata organizzando nel tardo pomeriggio, insieme a Corri le Mura, la marcia per le vie della città e a seguire l’aperitivo solidale accompagnato dai buskers che hanno animato la piazza fino al tramonto.

Alle nove lo spettacolo teatrale “IL RISCATTO” di e con Mohamed Ba rivolto a tutta la cittadinanza è stato il momento centrale della giornata. L’autore si conduce subito su chi sia il diverso, l’altro di cui a volte si ha paura ma che solo attraverso l’incontro è possibile scoprire. La piazza è rimasta ipnotizzata dal suono delle parole, dal ritmo del tamburo e dai racconti accompagnati dai video e testimonianze. Il silenzio e un’unica voce dal palco che ha dato fiato a tutti coloro che oggi non possono o non riescono ad esprimere chi sono e a far valere i loro diritti.

 

Domenica mattina, con il convegno, si è dato spazio al tema del meetingGMA di quest’anno.

Luis Badilla Morales ci inserisce piano piano al “pensare globalmente agire localmente” soffermandosi sui verbi pensare e agire e di come basti usare il primo per mettere in atto il secondo.

Mohamed Ba e Kindi Taila hanno saputo raccontarsi, con un pizzico di emozione, e regalare ai presenti momenti di forte empatia sottolineando come ciascun singolo individuo con i propri pensieri e azioni sia in grado, insieme poi ad altri, di iniziare a cambiare il mondo partendo da se stessi e chiedendosi ogni giorno cosa si è realmente fatto fino ad ora.

E poi i giovani GMA con Sion Danese e Maria Gnecchi. Ciascuna ha portato la propria esperienza all’interno di GMA e fuori, descrivendo come i giovani, in questo momento di difficoltà economica, possano diventare i protagonisti del cambiamento stringendo relazioni vere, appassionandosi a temi  a loro vicini e lontani, facendosi promotori di iniziative di sensibilizzazione.

Infine p. Vitali, con il suo carisma, ha rivolto prima alcune parole al gruppo profughi presenti in sala e poi ha parlato dei beni comuni, dell’ importanza che ciascuna persona è chiamata a fare per salvaguardare le risorse di tutti attraverso il mettere in atto azioni nella quotidianità.

 

Animazione per bambini a cura di GMA e dell’associazione Prislop, la rappresentazione teatrale “La regina senza regno”, lo stand del mondo equo e solidale, librerie tematiche, laboratori, l’allestimento di mostre tematiche sull’acqua e attività nei villaggi e la cerimonia del caffè hanno fatto da cornice alla giornata di domenica proponendo numerose attività dedicate ai più piccoli e agli adulti.

La passione dei volontari, la partecipazione del gruppo giovani ed organizzatori sono stati il principale ingrediente del week end e dell’agire localmente e pensare globalmente!

 

IMG_2107-1024x682 (2)IMG_2270-1024x682 (2)Meeting GMA BA (2)

 

Un commento per Dopo il meeting del Gma

  1. […] Dopo il meeting del Gma sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.