Egitto: arrestata e poi rilasciata l’attivista per i diritti umani Azza Soliman.

download-1-egitto

Con un’azione senza precedenti da parte del governo egiziano contro le organizzazioni non governative e i difensori dei diritti umani, la polizia egiziana ha arrestato Azza Soliman, attivista dei diritti umani e avvocata, portata via dalla sua casa stamattina presto al Cairo. Azza è accusata dal giudice investigativo della procura di New Cairo per il famigerato caso 173 relativo ai finanziamenti stranieri alle organizzazioni non governative. E’ il primo arresto effettuato sulla base di questa accusa.
Azza Soliman è avvocata dei diritti umani e fondatrice del Centro per l’Aiuto Legale alle Donne Egiziane (CEWLA). Era stata impedita a viaggiare il 17 novembre mentre era nell’aeroporto del Cairo, prima della sua partenza per un corso di formazione all’estero. Sono stati effettuati, negli ultimi mesi, almeno 80 divieti a viaggiare riguardanti attivisti, accademici, giornalisti e oppositori politici. Alcuni giorni prima del divieto a viaggiare, Azza era stata informata dalla sua banca che il suo conto e quello del suo studio legale erano stati congelati. Non è mai stata informata di alcuna indagine o reato nei suoi confronti, ma solo del fatto che il 12 dicembre il tribunale avrebbe discusso in merito al congelamento dei suoi beni – che sono stati invece congelati prima ancora del processo.
Azza è già stata oggetto di una persecuzione giudiziaria nel 2015, quando era stata testimone di un omicidio di un’altra attivista dei diritti umani da parte della polizia durante una pacifica protesta al Cairo. Azza Soliman era stata accusata di aver preso parte a una protesta illegale dopo aver testimoniato sull’omicidio. Era stata assolta dopo una grande campagna nazionale e internazionale per il suo rilascio.
Chiediamo la sua liberazione immediata. Chiediamo ai governi nazionali e alla comunità internazionale il massimo sforzo per questo obiettivo, e per fermare il tentativo reiterato del presidente Al-Sisi di eliminare la società civile democratica egiziana e qualsiasi voce di opposizione.

Aggiornamento: nella tarda serata del 7 dicembre Azza Soliman è stata rilasciata su cauzione.

azza

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.