A partire dal 24 maggio presso il Museo di Roma in Trastevere in Piazza di Sant’Egidio 1/B a Roma, si aprirà il ciclo di 3 incontri “Come eravamo, come saremo: il 1968 e il futuro dei giornali”.

Riccardo Luna – Direttore AGI; Marco Pratellesi – Condirettore AGI; Giulio Gambino – Direttore TPI  e Mario Morcellini – Commissario dell’autorità per le garanzie nelle comunicazioni dialogheranno prima con Maurizio Molinari (24 maggio, ore 16.30) – Direttore de La Stampa poi con Marco Damilano (29 maggio, ore 17.00) – Direttore de L’Espresso e infine con Virman Cusenza (31 maggio, ore 17.30) – Direttore de Il Messaggero; grandi firme del giornalismo italiano sui temi che hanno segnato il 1968.

Un dibattito aperto al pubblico che coinvolge diverse generazioni per cercare capire di qual è stato il ruolo dell’informazione in quell’anno e quale invece è il suo ruolo oggi, con un’attenzione particolare alla figura del giornalista che è soggetto sempre a nuove sfide.

Per info e Prenotazioni: c.crescimbreni@tpi.it

Un commento per “Come eravamo, come saremo: il 1968 e il futuro dei giornali”.

  1. […] “Come eravamo, come saremo: il 1968 e il futuro dei giornali”. sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.