Il 23 maggio 1915 l’Italia dichiarava guerra all’Austria-Ungheria.
Dopo 100 anni di guerre noi dichiariamo pace al mondo.Firma la Dichiarazione di pace!

Scriviamo insieme una nuova pagina nella storia.
Rinunciamo alla guerra e alla violenza!
Ri-uniamo la famiglia umana!
Cara amica, caro amico

100 anni fa, il 23 maggio 1915, l’Italia dichiarò guerra all’Austria-Ungheria trascinando il nostro paese nella madre di tutte le catastrofi del 900: seicentocinquantamila combattenti uccisi, centinaia di migliaia di altri morti civili, di feriti, mutilati e una montagna impressionante di sofferenze e distruzioni.

Dopo cento anni di guerre, noi cittadini italiani ed europei, consapevoli delle violenze in corso e dei pericoli che incombono, dichiariamo pace al mondo e ci impegniamo a scrivere una pagina nuova nella storia.

Firma anche tu la Dichiarazione di pace!

Scriviamo insieme una nuova pagina nella storia. Rinunciamo alla guerra e alla violenza. Ri-uniamo la famiglia umana.

Flavio Lotti, Tavola della pace
p. Enzo Fortunato, Rivista “San Francesco” del Sacro Convento di Assisi

Leggi e firma la Dichiarazione di pace!

Oppure invia la tua adesione alla Tavola della pace adesioni@perlapace.it

www.perlapace.it
www.sanfrancesco.org

DICHIARAZIONE DI PACE
A cento anni dall’entrata dell’Italia nella prima guerra mondiale, noi cittadini italiani ed europei dichiariamo pace al mondo.
Consapevoli delle violenze in corso e dei pericoli che incombono ci impegniamo a far venire meno ogni causa di guerra durante la nostra vita e ad essere attivamente costruttori di pace promuovendo il rispetto di ogni essere umano nella sua dignità e nei suoi diritti.

Considerato che la pace è un diritto umano fondamentale della persona e dei popoli, pre-condizione necessaria per l’esercizio di tutti gli altri diritti, ci impegniamo affinché questo diritto venga effettivamente riconosciuto, applicato e tutelato a tutti i livelli, dalle nostre città all’Onu.

Considerato che viviamo in un mondo di risorse naturali limitate, con una popolazione quadruplicata sin dall’inizio della prima guerra mondiale, abbiamo preso coscienza di essere tutti interdipendenti e decidiamo di gestire con saggezza ed equità queste risorse cosi come il prodotto del lavoro umano a beneficio di tutti e di ciascuno.

Volendo tradurre nei fatti la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani ed eliminare ogni tipo d’ingiustizia rifiutiamo la concorrenza tra esseri umani e tra paesi e scegliamo la via della cooperazione tra tutti, della globalizzazione della solidarietà e dell’aiuto reciproco in ogni campo.

Rinunciamo alla violenza come mezzo per risolvere i conflitti tra individui e popolazioni.

Ci consideriamo responsabili gli uni degli altri e cercheremo di proteggere chi è vittima o minacciato di abuso o di violenza dovunque esso accada.

Per scrivere una nuova pagina nella storia, invitiamo tutti a firmare questa Dichiarazione di pace e a impegnarsi con noi a ri-unire la famiglia umana.

23 maggio 2015

Tavola della pace
via della viola 1 (06122) Perugia,
Tel. 335.6590356 – 075/5736890 – fax 075/5739337
segreteria@perlapace.itwww.perlapace.it

 

 

2 Commenti per Firma la Dichiarazione di Pace!

  1. flavia virgilio ha detto:

    Ottima iniziativa

  2. […] Firma la Dichiarazione di Pace! sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.