Firma la petizione contro il Fiscal Compact!
A fine dicembre il Fiscal Compact potrebbe diventare a tutti gli effetti un trattato europeo, rendendo irreversibili le politiche di austerità.
Il Cipsi condivide le organizzazione e Attac Italia nella diffusione di una petizione popolare per fermare questo passaggio e per aprire la discussione su tutti i trattati che da Maastricht in avanti hanno imposto le politiche liberiste nell’intero continente.
Firma anche tu la petizione! Per farlo, vai sul sito www.stopfiscalcompact.it. Bastano due minuti. 
Le nostre vite vengono prima del debito, i nostri diritti prima dei profitti e il “comune” viene prima della proprietà.
Firma e fai firmare!
Per maggiori informazioni: Marco Bersani – Attac Italia, www.italia.attac.orgFacebook: Attac Italia, Twitter: @attac_italia

Articoli con lo stesso argomento:

Tagged with →  

Un commento per Firma la petizione contro il Fiscal Compact!

  1. […] Firma la petizione contro il Fiscal Compact! sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.