San Pietroburgo, 6 settembre 2013 – Re:Common ritiene inadeguati i risultati del vertice dei G20 conclusosi questo pomeriggio a San Pietroburgo, in Russia. Oltre al chiaro impasse sulla questione Siria, viene rimandata a data indefinita la riforma del sistema di governo del Fondo monetario internazionale, uno dei principali impegni del G20, e sulla regolamentazione finanziaria e delle banche non è stato compiuto nessun vero passo avanti.

Preoccupa infine che sulle politiche monetarie e sulla modulazione delle iniezioni di liquidità nel sistema finanziario da parte delle banche centrali si rischi ancora una volta che ogni paese vada in ordine sparso, con gravi rischi per gli impatti che si possono avere sui paesi emergenti e in via di sviluppo, sempre più contagiati dalla crisi economica.

Il documento finale del summit contiene solo un piccolo passo avanti sulla lotta all’evasione e l’elusione fiscale, sbandierata da tutti i leader mondiali presenti a Palazzo Konstatinov come fondamentale. Lo scambio automatico di informazioni tra paesi diventerà lo standard globale, ma il G20 deve ancora capire come farlo adottare entro due anni da tutti i paesi del pianeta, inclusi i paradisi fiscali.

“Non basta solo lo scambio automatico di informazioni, per quanto importante” ha dichiarato Antonio Tricarico di Re:Common, presente a San Pietroburgo. “E’ fondamentale che esistano in ogni paese registri pubblici che dicono di chi sia la proprietà ultima delle società. Allo stesso tempo bisogna imporre alle multinazionali di pubblicare i propri bilanci in maniera dedicata paese per paese e non aggregata, un trucco, quest’ultimo, impiegato globalmente per pagare porzioni irrisorie di tasse” Ha concluso Tricarico.

 

Comunicato stampa Re:Common 

DA SAN PIETROBURGO – Luca Manes +39 335 57 21 837 lmanes@recommon.org – Antonio Tricarico (NUMERO RUSSO) +7 981 831 53 17    

Tagged with →  

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.