Invito a tutti gli amici, sostenitori e simpatizzanti, in occasione del

XXX° ANNIVERSARIO CIPSI
ASSISI, 17-18 Ottobre 2015

Carissimi Amici,
il 04 Ottobre 1985 iniziò il nostro cammino. In questi trent’anni è cambiato il mondo. Le strade, sono cambiate. Le relazioni, sono cambiate. Gli strumenti, sono cambiati. Anche i nostri diritti, sono cambiati! In questo nuovo mondo, rischiamo di non ritrovare neppure più la nostra identità, pur essendo tutti convinti e consapevoli di chi eravamo. Trent’anni fa, avevamo un mondo diviso tra: Nord e Sud – ricchezza e povertà. Oggi questa divisione si è sgretolata sotto le ali forti delle varie globalizzazioni, a partire da quella economica. Trent’anni fa, avevamo Stati e Agenzie Multilaterali con casse gonfie di profitti dagli anni d’oro di proventi del credito ai Paesi del Sud e dal loro sfruttamento. Oggi, le casse sono drammaticamente vuote, svuotate dalle stesse pratiche economiche sviluppate dai poteri economici-finanziari, accompagnati da interessi personali, concussioni e corruzioni. Se trent’anni fa siamo cresciuti nel protagonismo della società civile e del volontariato in un contesto uniforme, oggi parole come – gratuità e solidarietà – da sole non bastano più a collocare la nostra presenza ed azione. La società civile si è dotata in questi anni, di molteplici forme di volontariati attivi, protagonisti della vita sociale locale ed internazionale, sempre più competitivi anche tra loro e, a volte, anche contrapposti. Non serve alcuna forma di “competitività”! La competitività non fa parte del principio di “comunitas”. Dobbiamo, anche alla luce dei crescenti flussi migratori, prendere atto delle diversità esistenti ed attivare forme e strumenti di partecipazione e collaborazione, sulla base di valori culturali, politici e sociali convergenti, a livello di strategie e di metodologie condivise. Oggi dobbiamo dimostrare la nostra “maturità” di coordinamento o accettare il nostro fallimento. Non abbiamo alcuna possibilità di poterci nascondere. Non abbiamo più nessuna scusa per tirarci indietro. Per questo:
Vogliamo trovarci con gli amici che hanno fatto almeno un pezzo di strada insieme a noi e con tutti gli amici che ancora vogliono camminare su questa strada.
Vogliamo trovarci per ripercorrere questi trent’anni in modo concreto.
Vogliamo farlo nel luogo simbolo della Pace e della Solidarietà: Assisi.

Ci troveremo ad Assisi
Sabato 17 Ottobre dalle 15,00 alle 19,00 per riflettere insieme
Domenica 18 Ottobre alle ore 12,00
nella Basilica Superiore per la concelebrazione Eucaristica

Vi aspettiamo numerosi

Il Presidente – Guido Barbera

NOTA
In occasione dei compleanni è consuetudine fare un regalo al festeggiato. Vi proponiamo di pensare tutti – liberamente – oltre alla vostra partecipazione numerosa – ad un “regalo straordinario” per i trent’anni del CIPSI, Una specie di azionariato popolare per lanciare i nuovi trent’anni di lavoro! Grazie anticipatamente a tutti voi. Potete versare un libero contributo straordinario per il XXX° anniversario, sul c/c presso Banca Etica. IBAN – IT21Z0501803200000000116280

NOTA – Siete pregati di confermare la partecipazione a cipsi@cipsi.it

2 Commenti per Assisi, 17-18 ottobre 2015: Invito al XXX° Anniversario CIPSI

  1. […] Assisi, 17-18 ottobre 2015: Invito al XXX° Anniversario CIPSI sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

  2. […] Assisi, 17-18 ottobre 2015: Invito al XXX° Anniversario CIPSI sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.