COMUNICATO STAMPA

 IUS SOLI: IL CIPSI PARTECIPA ALLA STAFFETTA PER LO SCIOPERO DELLA FAME

 Barbera: “È inaccettabile che l’Italia non voglia fare i conti con la sua realtà interculturale! Riconoscere la cittadinanza agli 800.000 bambini stranieri, o di origine straniera, che frequentano le nostre scuole e si sentono italiani, è soprattutto un atto di civiltà. Il legislatore deve smettere di strumentalizzare la questione per fini elettorali ed assumersi la responsabilità di riconoscere i diritti a chi li merita!”

 

Roma, 12 ottobre 2017 – Guido Barbera, presidente di CIPSI SOLIDARIETA’ E COOPERAZIONE, Coordinamento di 33 associazioni e ong di Solidarietà Internazionale e cooperazione, ha dichiarato che insieme a tanti altri cittadini e persone della società civile “partecipa alla staffetta per lo sciopero della fame in favore dell’approvazione dello Ius Soli Temperato, momentaneamente in discussione al Parlamento. Lo sciopero durerà un’intera giornata, quella di oggi 12 ottobre 2017.

Guido Barbera nel motivare lo sciopero della fame del CPSI ha detto: È inaccettabile che l’Italia non voglia fare i conti con la sua nuova realtà interculturale! Riconoscere la cittadinanza agli 800.000 bambini stranieri, o di origine straniera, che sentono di essere italiani, è in primis un atto di civiltà. Il legislatore deve smettere di strumentalizzare la questione per fini elettorali ed assumersi la responsabilità di riconoscere i diritti a chi li merita!”.

Barbera, che crede fortemente nel valore di una reale democrazia, inclusiva, fondata sul riconoscimento dei diritti di tutti i suoi componenti, ha aggiunto: Non possiamo continuare a parlare di civiltà ed emancipazione sociale finché non riconosceremo i limiti delle nostri leggi, fin troppo spesso anacronistiche: Che si approvi immediatamente la nuova norma sulla cittadinanza!”    

Qualora fosse approvato, il principio di Ius Soli Temperato garantirebbe la cittadinanza nel caso siano rispettati tre parametri: un reddito non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale; disposizione di un alloggio che risponda ai requisiti di idoneità previsti dalla legge; superamento di un test di conoscenza della lingua italiana. La proposta di legge presenterebbe anche una seconda via di ottenimento dello status di cittadino: lo Ius Culturae. Potranno chiedere la cittadinanza i minori stranieri nati in Italia o arrivati entro i 12 anni che abbiano frequentato le nostre scuole per almeno cinque anni e superato almeno un ciclo scolastico. I ragazzi nati all’estero ma che arrivano in Italia fra i 12 e i 18 anni potranno ottenere la cittadinanza dopo aver abitato in Italia per almeno sei anni e avere superato un ciclo scolastico.

 

Articoli con lo stesso argomento:

Un commento per Ius Soli: il Cipsi partecipa alla staffetta per lo sciopero della fame

  1. […] Ius Soli: il Cipsi partecipa alla staffetta per lo sciopero della fame sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.