4  febbraio 2013 – Neanche per il 2013 ci sarà l’otto per mille per i progetti a favore dei rifugiati. È quanto denuncia un cartello di organizzazioni in una nota diffusa ieri che commenta la notizia del 26 gennaio con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri ha comunicato l’esaurimento del fondo Otto per Mille 2012, di circa 181 milioni di cui 121 destinati per esigenze di protezione civile.

A lamentare l’accaduto e la sottrazione di risorse destinate ai rifugiati il Consiglio italiano per i rifugiati (Cir), l’associazione A buon Diritto, l’associazione Centro Astalli, l’associazione Cittadini del Mondo, l’associazione Somebody, il Centro interculturale Abusuan – Bari, la cooperativa Ruah – Bergamo, la cooperativa sociale Ethica, la Fondazione Franco Verga – Milano,  l’Ics – Ufficio rifugiati onlus, l’Istituto don Calabria – Comunità San Benedetto – Verona, la società cooperativa sociale O.R.S.O. – Torino.
“I soldi che i cittadini italiani scelgono di destinare allo Stato dalle loro personali dichiarazioni dei redditi – spiegano le associazioni – per legge debbono essere utilizzati “per interventi straordinari per fame nel mondo, calamità naturali, assistenza ai rifugiati, conservazione di beni culturali”. E invece, lamentano le organizzazioni, è il secondo anno consecutivo che va a finire così. “È ormai utilizzato come un piccolo tesoretto nelle mani del Governo di turno”. Secondo le organizzazioni, i progetti che non sono stati finanziati per “azzeramento fondi” volevano realizzare interventi per favorire l’inserimento lavorativo e l’autonomia alloggiativa, garantire cure mediche specifiche per le persone vulnerabili, facilitare il ricongiungimento familiare.
“In un Paese in cui gli interventi di sostegno e assistenza a favore dei rifugiati sono sporadici, è paradossale questo cambiamento d’uso – aggiungono le organizzazioni. – Una vera beffa, di fronte ai contribuenti Irpef ma anche di fronte agli Enti locali ed associazioni che vengono formalmente invitati ogni anno dalla Presidenza del Consiglio dei ministri a presentare progetti articolati e documentati entro il 15 marzo per poi sapere 10 mesi dopo che si è trattato solo di uno scherzo”. Al Governo, le organizzazioni chiedono di attenersi alla normativa in vigore, “che vincola l’utilizzo ai precisi interventi per cui il fondo è destinato e che ripartisca in maniera stabile ed equa tra le diverse aree”. Buona, però, la notizia dell’elaborazione di uno schema di decreto del Presidente della Repubblica per modificare il regolamento che stabilisce le procedure di utilizzazione dell’8 per mille, spiegano le organizzazioni. “In questo schema vengono fissate quote percentuali minime da destinare ai vari interventi. Vorremmo essere chiamati a un confronto su questo tema: il nuovo regolamento potrebbe essere un’ottima opportunità per stabilire in modo chiaro e definitivo il vincolo di utilizzo del fondo” chiedono le associazioni impegnate nella difesa dei diritti dei rifugiati.

Fonte: Immigrazione Oggi.it

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.