Secondo i meteorologi, domani sarà la giornata più calda, con temperature oltre i 35 gradi. La settimana prossima dovrebbe piovere.

Europa. Temperature canicolari in Francia e in Spagna. A Parigi raggiunto il primato del ’47 con 37,6 gradi.

Fiumi. La siccità dura non da mesi ma da un anno.
La portata del Po a Isola Sant’Antonio (Alessandria) è 204 metri cubi al secondo, il 65% in meno del valore medio di giugno nel periodo 1995-2015. In Piemonte le riserve disponibili nei bacini (laghi e laghetti) sono 233 milioni di metri cubi, il 60% della capacità massima teorica.
In Sicilia le riserve idriche sono calate del 15% in un anno e mancano negli invasi oltre 75 milioni di metri cubi di acqua. In Emilia è piovuto il 50% in meno del solito. La falda acquifera è più bassa del solito, e si trova scavando ancora più a fondo, 1,26 metri in più. Le stesse indicazioni dalla pianura veneta: se una volta l’acqua era in pozzi poco profondi, ora nella pianura del Piave bisogna perforare a grande profondità.

Clima. È molto verosimile che le attività umane accelerino il riscaldamento dell’aria, ma oggi nessuno può dimostrare che questa siccità sia effetto del cambiamento del clima: le siccità sono ricorrenti da sempre e nel passato furono e assai più catastrofiche. Serve più tempo per poter collegare i due fenomeni.

Sale. La povertà d’acqua dei fiumi e delle falde sotterranee lascia risalire nell’entroterra l’acqua salata del mare e i campi della pianura si sanno salando. Il riscaldamento del clima e la risalita salina impongono di cambiare le colture.

Meteo. Dal 2019 Bologna ospiterà il Centro Europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (Ecmwf). «La scelta di Bologna diventa finalmente un dato acquisito — afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti — ci pone ancor di più al centro della sfida climatica europea».

Acquedotti. Ogni italiano consuma in media 245 litri di acqua potabile al giorno.
Abbiamo le tariffe di gran lunga più basse d’Europa, e i pochi soldi raggranellati non pagano gli investimenti per servizio migliore e per ridurre le perdite.
Secondo un rapporto di Utilitalia bisognerebbe investire 5 miliardi l’anno per la manutenzione. L’investimento è 34 euro per abitante l’anno quando in Europa normalmente di spende tra 80 e 130 euro. Il 7% delle fognature non hanno depurazione. L’inutile referendum del 2011 sull’acqua “bene pubblico” ha solo complicato la situazione.

Perdite. Secondo l’Istat, gli acquedotti perdono il 40% dell’acqua. Attenzione, le perdite non sono sempre tubi rotti; si chiamano “perdite” anche le fontanelle, alcune forniture a enti pubblici e così via. Le perdite sono del 68,8% a Potenza e il 54,6% a Palermo, forti anche a Campobasso (67,9%), Cagliari (59,3), Bari (52,3). Milano ha appena il 16,7% di perdite. Seguono Aosta (24,5), Bolzano (26,5) e Genova (27,4).

Wwf. «Il rischio è costituito dal conflitto tra i bisogni vitali e sanitari della popolazione e quelli dei settori economici, dall’agricoltura all’industria, alla stessa produzione energetica termoelettrica, che usa moltissima acqua».

Greenpeace. Secondo il rapporto di Greenpeace Germania «Climate Change, Migration and Displacement», ogni anno 21,5 milioni di persone sono costrette a emigrare a causa di siccità, tempeste o alluvioni.

Riuso. Il riuso delle acque depurate, la dissalazione per ricavare acqua dal mare e i finanziamenti europei agli investimenti sono stati trattati ieri in eventi diversi dall’acquedotto milanese Cap e a Palermo da Watec Italy.

Ma quanto piove in Italia? In Italia, le precipitazioni medie nel decennio 2001-2010 corrispondono ad un volume di acqua di 245.457 milioni di metri cubi. Tale valore è in aumento dell’1,8% rispetto alla media del periodo 1971-2000.  Su scala nazionale, nel decennio 2001-2010 si registra un leggero aumento della quantità di risorse idriche rispetto al trentennio di riferimento.

Il 2001 è stato l’anno più siccitoso, con 190.839 milioni di metri cubi (-20,8%), seguito dal 2007 (194.680 milioni di metri cubi), mentre il 2010 è risultato l’anno più piovoso con 306.883 milioni di metri cubi (+27,3%).

Jacopo Giliberto – Il Sole 24 ore 

 

Un commento per L’allarme siccità, le piogge e i consumi d’acqua. La mappa italiana

  1. […] L’allarme siccità, le piogge e i consumi d’acqua. La mappa italiana sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.