“Le parole pronunciate oggi dal ministro degli Esteri Alfano non contengono alcuna novità significativa, relativamente al caso di Giulio Regeni, tale da giustificare il ritorno dell’ambasciatore italiano al Cairo”. A dirlo è Patrizio Gonnella, presidente di Antigone e della Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti civili (CILD), in merito all’audizione in Parlamento sul caso del ricercatore ucciso in Egitto e il ripristino dei rapporti politici tra questo paese e l’Italia.

“Alfano – prosegue Gonnella – ha sottolineato ancora una volta quanto detto alla vigilia di ferragosto, quando il governo aveva annunciato il nuovo invio dell’ambasciatore, sul fatto che la presenza di quest’ultimo garantirà una azione più incisiva di pressione sulle autorità giudiziarie egiziane affinché collaborino con quelle italiane. Se così fosse – sottolinea il presidente di Antigone e CILD – lo stesso governo dovrebbe fare un mea culpa per averlo ritirato quasi un anno e mezzo fa”.
La verità è che il rapporto con l’Egitto andava ripristinato per questioni di rapporti economici e commerciali, che lo stesso ministro degli Esteri ha ribadito, durante l’audizione, non essersi mai fermati condotti dai funzionari dell’ambasciata. Inoltre perché l’Egitto è importante anche per quanto riguarda il contenimento dei flussi migratori e gli accordi con la Libia in tal senso. Dinanzi a questi due elementi il rispetto dei diritti umani e la richiesta di verità per Giulio Regeni possono anche aspettare”.
“Da parte nostra – conclude Patrizio Gonnella – continueremo ad essere al fianco della famiglia di Giulio ed esercitare tutte le pressioni possibili sulle autorità italiane monitorando con attenzione l’evoluzione delle indagini, parte integrante del mandato dell’ambasciatore”.

Per informazioni: Andrea Oleandri – andrea@cild.eu – 339/5799057

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.