Forum Sociale Mondiale: le strade “altermundialistas” si intersecano a Montreal

Un FSM per sognare un altro mondo necessario e aggiornare le sfide

 

world_social_forum

 

Un evento festoso aperto Martedì 9 agosto a Montreal, Canada, 12° edizione del Forum Sociale Mondiale (FSM). Per la prima volta dalla sua nascita nel 2001 a Porto Alegre, si realizza nel “Nord sviluppato”. Diverse migliaia di partecipanti hanno lanciato questo incontro internazionale in cui il movimento per la giustizia globale si trova ad affrontare non solo la riflessione sulle proprie utopie strategiche, ma anche a condividere le proprie sfide locali/quotidiane e domande di fondo. E a chiedersi del proprio futuro.

 

Gli organizzatori

Anche se sembrano lontane e irripetibili le grandi mobilitazioni di apertura delle edizioni precedenti, in Brasile, India, Senegal, Kenya e Tunisia, la giovane organizzazione collettiva Montreal ribadisce il suo ottimismo. “È sbagliato dire che il FSM è stagnante. Vediamo una vitalità crescente” anticipa Carminda Mac Lorin.

“Dobbiamo superare il divario tra Nord e Sud… disuguaglianze umane sono in aumento in tutto il mondo”, dice Raphael Canet, un altro degli ostinati costruttori del presente invito.

“I problemi che viviamo nel Sud si vivono nello stesso modo nei paesi industrializzati”, insiste Chico Whitaker, uno dei co-fondatori del FSM e degli intellettuali militanti sociali più identificati in questo spazio in costruzione.

Dalla retorica alla realtà, un’ipotesi inquietante scaturita dal FSM precedente in Tunisia (2015) sembra tuttavia essere confermata. La politica di immigrazione canadese restrittiva ha limitato la partecipazione di rappresentanti del Sud. I dati lo dimostrano: il 70% delle domande di visto di partecipazione sono state respinte dalle autorità di immigrazione, nonostante l’enorme sforzo degli organizzatori per sbloccare questa restrizione.

 

Con gli occhi del Sud

Forse gli organizzatori sono stati colpevoli di ingenuità, pensando che, dal momento che la chiamata sosteneva valori come la solidarietà, i requisiti in materia di immigrazione fossero stati resi più flessibili, riflette Filomena Siqueira, uno dei gestori di Ação Educativa, fiorente brasiliana ONG coinvolta fin dall’inizio nelle dinamiche del Forum.

Nei primi giorni di agosto, prima della costatazione delle difficoltà di ottenere il visto d’ingresso, decine di organizzazioni canadesi e internazionali hanno inviato una lettera al governo con la richiesta di soluzioni rapide. Hanno rilevato che i più colpiti sono stati i leader sociali della RDC, Marocco, Iran, Haiti, Nigeria e Nepal. Le smentite del visto avevano pregiudicato anche i cittadini del Benin, Brasile, Burkina Faso, Ghana, Mali, Palestina e Togo.

Questa delusione spiega l’indignazione e le critiche alle autorità da parte di molti partecipanti nella marcia di apertura, che “è stata molto colorata e partecipativa, con vari temi e bella partecipazione civica”, come sottolinea Siqueira, sorpreso positivamente di ciò che è stato sperimentato il 9 agosto.

Le prime attività sono state sviluppate con successo, ha detto il leader brasiliano, che in passato ha partecipato a una mezza dozzina di forum in diversi paesi. “Tutto molto organizzato, nonostante l’ampia portata delle università con più sedi che non facilitano un buon posizionamento in un primo momento.” Oltre 1.000 attività auto-organizzate avranno luogo nei cinque giorni del Forum, in una maratona di partecipazione, che, secondo gli organizzatori, potrebbe radunare circa 50.000 partecipanti provenienti da un centinaio di paesi.

 

Sfide aperte

Il FSM, e Montreal lo sta dimostrando, rimane uno spazio importante per condividere idee e pratiche nella prospettiva della costruzione di una società più giusta e un mondo migliore e possibile e necessario, sottolinea Filomena Siqueira.

In questo senso, pur apprezzando l’organizzazione di diverse conferenze tematiche centrali in questa edizione – ritornando a ciò che è stato sperimentato nelle prime edizioni del FSM in Brasile, avverte “che non è necessario creare l’aspettativa che la stessa verità assoluta sarà possibile e che si andrà a promuovere una posizione di potere come Forum”.

Le riflessioni e gli scambi che hanno successo in Canada, dovrebbero “aiutarci a tornare a ciascuno dei nostri spazi locali e nazionali, per promuovere ulteriormente la partecipazione e il cambiamento”, insiste.

Potrà rispondere l’edizione di Montreal alla domanda sul reale stato del FSM e il suo potenziale per il futuro? Si tratta di una questione essenziale, risponde la dirigente del Ação Educativa in Brasile. “Ma io non sono d’accordo con coloro che predicano la morte del Forum o anticipano che proprio a Montreal avrà luogo”.

Il FSM è “uno specchio, un riflesso diretto di movimenti e organizzazioni sociali, la società civile globale. Coloro che anticipano la morte del FSM dovrebbero poi decretare la morte di tali movimenti e organizzazioni… Non dimenticate che il FSM non è un’istituzione in sé. Si tratta di uno spazio che traduce le lotte, i pensieri e i sogni che si verificano a livello locale”.

 

Mondo globalizzato

Partecipare al movimento per la giustizia globale e scommettere su un altro mondo possibile e necessario, significa riconoscere che siamo tutti nella stessa barca e ci sentiamo tutti gli effetti della globalizzazione della nostra “patria”. Ma è anche vero che le conseguenze sociali e ambientali della globalizzazione sono diverse in ogni luogo, riflette il sociologo svizzero Jean Rossiaud, co-responsabile del Forum del mondo democratico.

“E la società civile organizzata per difendere o espandere i propri diritti è diversa in ogni sito, così come i movimenti sociali che trasformano le loro lotte secondo relazioni culturali, forze sociali e politiche”, continua.

In questo senso, oggi, qui a Montreal, “percepiamo la differenza con i forum precedenti”, spiega. Nei quali, come a Porto Alegre, si sentiva la forte dinamica del movimento dei Lavoratori rurali senza terra (MST); o in Mumbai quella dei Dalits, o in Belém dei Pará, dei popoli indigeni. “Questo è soprattutto il movimento studentesco che promuove per rilanciare la dinamica di mobilitazione creata tre anni fa, per estenderla ad altri attori e internazionalizzarsi”.

Per quanto riguarda la riflessione sul futuro del FSM da promuovere a Montreal, Jean Rossiaud fornisce indizi per l’interpretazione e la proposta. “I FSM non devono sparire, ma non possono essere limitati a se stessi e devono essere superati da altre forme di mobilitazione sociale. Dovrebbero essere più decentrati e più continui nel tempo. Dimostrando che già esistono soluzioni immediate e concrete per vivere in un mondo solidale “. Si deve vedere per esempio l’impatto del film Mañana, puntualizza. Queste dimostrazioni dovrebbero riunire più intelligenza collettiva; costruzione ideologica condivisa e più politica, vale a dire più interesse alla governance globale, dal locale al globale “, conclude.

 

Sergio Ferrari, collaboratore stampa di UNITE, Associazione svizzera per lo scambio di persone sulla cooperazione

Fonte: ALAI AMLATINA, Agenzia Latinoamericana di informazione.

Un commento per Forum Sociale Mondiale: le strade “altermundialistas” si intersecano a Montreal

  1. […] Forum Sociale Mondiale: le strade “altermundialistas” si intersecano a Montreal sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.