MIGRANTI, DOPO IL CONSIGLIO EUROPEO DEL 14 SETTEMBRE.

 

Nicoletta Teodosi, presidente del Cilap, ha dichiarato: “Il peggio degli Stati membri ha prevalso sul meglio dell’Europa”.

Guido Barbera, presidente del Cipsi: “Siamo sconfortati dalla incapacità degli Stati membri di dare ascolto alle tante soluzioni che vengono proposte da chi lavora sul campo. Auspichiamo una soluzione solidale a questa drammatica crisi umanitaria”.

 

Roma, 16 settembre 2015 – Dopo il fallimento del Consiglio europeo del 14 settembre e le profonde divisioni tra i paesi dell’Est e il resto del Continente sui migranti, il Cilap – Collegamento Italiano di Lotta alla Povertà, sezione nazionale di EAPN European Anty Poverty Network – e il CIPSI – coordinamento di 30 associazioni di solidarietà internazionale – hanno redatto una comunicazione congiunta ed espresso la loro profonda preoccupazione. Nicoletta Teodosi, presidente del Cilap, ha dichiarato: “Il peggio degli Stati membri ha prevalso sul meglio dell’Europa. Se fino a qualche giorno, prima del Consiglio europeo del 14 settembre, parlavamo del meglio e del peggio dell’Europa, oggi siamo certi che il peggio degli Stati membri ha prevalso. L’Allargamento ad Est del primo decennio di questo secolo è rimasto incompiuto nella sua parte culturale e di adesione ai principi di solidarietà. D’altra parte, anche se in silenzio o sconosciuti per la maggioranza dell’opinione pubblica europea, l’attuale Ungheria ci ha abituato agli arresti dei mendicanti e dei senza dimora, alla discriminazione delle persone omosessuali. Così come la Slovacchia al disprezzo verso i Rom. Manca totalmente un passo culturale verso una comune visione.

Vanno cambiati e allungati i tempi dell’acquis comunitario. Vanno rivisti i trattati di adesione, ma anche il modo in cui si deve stare in una comunità come quella europea. Alla luce dei recenti risultato, l’Unione Europea non può essere solo un mercato di libera concorrenza, visti i risultati, mentre i principi costituenti vanno sgretolandosi sotto il peso dei senza memoria.

I governi dei paesi dell’Est hanno dimenticato cosa significhi “Europa”, hanno chiesto di aderirvi, hanno finto di condividere trattati, carte sociali, carte dei diritti fondamentali, di rispettare le Istituzioni, salvo poi voltare le spalle appena messi in sicurezza dalla Russia o da quel che resta dell’ex blocco sovietico. Quello cui stiamo assistendo non trova giustificazioni storiche, economiche o religiose che siano: inefficacia dei Consigli europei e chiusura aggressiva e violenta da parte dell’Ungheria, cui si stanno aggiungendo anche altri paesi di recente entrata, davanti ad una prevedibile crisi umanitaria.

E Guido Barbera, presidente del Cipsi, ha concluso: “ Come reti di organizzazioni che lavorano per la solidarietà internazionale, per e con le persone in povertà, con i senza voce, per i diritti sociali, civili e umani, siamo sconfortati dalla incapacità degli Stati membri di dare ascolto alle tante soluzioni che vengono proposte da chi lavora sul campo, che sono le antenne dei bisogni e dei problemi, ma possono essere anche la soluzione. Spesso abbiamo sentito dai governanti di aiutare i migranti a casa loro. Peccato che la cooperazione internazionale sia il fanalino di coda del loro interesse. Auspichiamo una soluzione solidale a questa drammatica crisi umanitaria”.

 

 

Ufficio Stampa Cipsi e Cilap, Nicola Perrone, cel. 329.0810937

2 Commenti per Migranti: dopo il Consiglio europeo. Il peggio degli Stati membri ha prevalso sul meglio dell’Europa

  1. […] Migranti: dopo il Consiglio europeo. Il peggio degli Stati membri ha prevalso sul meglio dell’… sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

  2. […] Migranti: dopo il Consiglio europeo. Il peggio degli Stati membri ha prevalso sul meglio dell’… sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.