L’Ungheria è fuorilegge! Sanzioniamola!


Manganelli, lacrimogeni, filospinato, muri, arresti. L’Ungheria ha violato e continua a violare i diritti umani fondamentali, il diritto internazionale, i principi fondativi dell’Unione Europea. Per questo, la Tavola della pace e Articolo 21 lanciano una campagna per chiedere alle istituzioni europee di intervenire con urgenza e fermezza. “Un governo che usa così tanta violenza contro persone disperate e che innalza nuovi muri in Europa non può restare impunito”, hanno dichiarato Flavio Lotti e Giuseppe Giulietti. “Le sue azioni non sono solo intollerabili, sono anche illegali. L’Ungheria sta palesemente violando il diritto internazionale dei diritti umani e l’articolo 2 del Trattato di Lisbona. Per questo va fermata e sanzionata politicamente ed economicamente. Nessun paese membro dell’Unione Europea si può permettere di infliggere un simile colpo alle fondamenta dell’Europa.

Questo è il testo dell’Appello da sottoscrivere su Change:  https://www.change.org/p/l-ungheria-%C3%A8-fuorilegge-sanzioniamola?just_created=true

L’Ungheria è fuorilegge! Sanzioniamola!
Fuorilegge. L’Ungheria è fuorilegge. Il modo in cui sta trattando i rifugiati e i migranti è fuorilegge. Il governo ungherese sta violando i diritti umani fondamentali, il diritto internazionale, i principi fondativi dell’Unione Europea e in particolare l’articolo 2 del Trattato sull’Unione Europea: “L’Unione si fonda sui valori del rispetto della dignità umana, della liberta`, della democrazia, dell’ugua­glianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appar­tenenti a minoranze. Questi valori sono comuni agli stati membri.” Per questo deve essere fermato e sanzionato. I diritti umani vanno rispettati e i muri vanno abbattuti!

Al Sig. Martin Schulz, Presidente del Parlamento Europeo,
Al Sig. Jean-Claude Juncker, Presidente della Commissione Europea
Al Sig. Donald Tusk, Presidente del Consiglio europeo

chiediamo di avviare immediatamente nei confronti dell’Ungheria la procedura sanzionatoria prevista dall’articolo 7 del Trattato sull’Unione Europea.

Flavio Lotti
Giuseppe Giulietti
Stefano Corradino
Antonio Papisca
Marco Mascia
Elisa Marincola


NB: L’articolo 7 del Trattato sull’Unione Europea stabilisce che qualora sia constata la violazione dell’art. 2 del Trattato sull’UE, ” il Consiglio dell’Unione può decidere di sospendere alcuni dei diritti derivanti allo Stato membro in questione dall’applicazione dei trattati, compresi i diritti di voto del rappresentante del governo di tale Stato membro in seno al Consiglio”.

Amelia Rossi – Ufficio stampa Tavola della pace
cell. 3351401733 – stampa@perlapace.itwww.perlapace.it

Stefano Corradino – Direttore Articolo 21
cell. 3925082113 – corradino@articolo21.infowww.articolo21.org




Un commento per Migranti: l’Ungheria è fuorilegge, va sanzionata!

  1. […] Migranti: l’Ungheria è fuorilegge, va sanzionata! sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.