Migranti, Lampedusa: Save the Children, “uomini, donne e bambini continuano a morire in mare, nei deserti e attraversando le frontiere. Ogni vita persa nel tentativo di raggiungere l’Europa è un fallimento per l’intera comunità. Necessario garantire canali sicuri e legali”.

In occasione della Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione, nell’anniversario del naufragio del 2013, i ragazzi del Movimento Giovani per Save the Children e della web radio UndeRadio partecipano agli eventi promossi dal Comitato 3 Ottobre a Lampedusa, con laboratori sulla comunicazione etica e responsabile, per l’inclusione e la non discriminazione

“Di fronte alle bare allineate nell’hangar, quattro anni fa si disse “Mai più”. Purtroppo da allora, uomini, donne e bambini hanno continuato a perdere la vita in mare nel tentativo di raggiungere l’Europa. Ma non dobbiamo dimenticare neppure coloro che muoiono ancora ogni giorno attraversando il deserto, nei campi di detenzione o attraversando una frontiera per raggiungere il loro paese di destinazione. Ciascuna di queste morti è un fallimento per l’intera comunità. Per questo è necessario garantire canali sicuri e legali di accesso, soprattutto per i più vulnerabili come famiglie con bambini e minori non accompagnati”, afferma Valerio Neri, Direttore Generale di Save the Children Italia in occasione del quarto anniversario del tragico naufragio del 3 ottobre 2013 al largo delle coste di Lampedusa, in cui morirono 368 migranti.
L’Organizzazione, impegnata in Italia dal 2008 in attività e interventi di supporto e assistenza dei minori stranieri in arrivo via mare, partecipa anche quest’anno agli eventi organizzati dal Comitato 3 Ottobre a Lampedusa, con la presenza dei ragazzi di SottoSopra, il Movimento giovani per Save the Children e la loro web radio UndeRadio. I ragazzi saranno sull’isola per testimoniare il ricordo della strage di Lampedusa attraverso il racconto sull’emittente e con due workshop tematici con l’obiettivo di proporre ai partecipanti una riflessione sulla responsabilità del comunicare e sui temi dell’inclusione e della non discriminazione.
“Essere oggi a Lampedusa con i ragazzi del nostro Movimento Giovani per parlare di inclusione e di non discriminazione, è un modo di ricordare che la protezione e l’integrazione devono essere messi al centro di qualunque politica sulle migrazioni, in particolare per i tanti minori che arrivano nel nostro continente da soli. L’Italia ha fatto un importante passo avanti con la Legge Zampa che garantisce loro maggiore protezione e possibilità di inclusione. È però fondamentale che venga data piena attuazione al provvedimento e che questa legge possa diventare esempio anche per altri paesi europei, per garantire a questi bambini e adolescenti l’opportunità di essere accolti e di integrarsi pienamente”, conclude Valerio Neri.

 

Articoli con lo stesso argomento:

Un commento per Migranti: troppi uomini, donne e bambini continuano a morire in mare

  1. […] Migranti: troppi uomini, donne e bambini continuano a morire in mare sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.