COMUNICATO STAMPA

CIPSI E MIGRAZIONI: CONDANNIAMO QUESTA POLITICA CONTRO LA VITA

Guido Barbera (CIPSI): “La politica deve liberarsi da interessi ed affari, ed avere il coraggio di guardare in faccia ogni persona umana, senza distinzioni di età, sesso, razza, cittadinanza. La povertà attuale di molti italiani non è sicuramente imputabile a quei Paesi che per decenni abbiamo impoverito, per accrescere le nostre risorse, quanto piuttosto alle leggi e normative della stessa politica che oggi rifiuta la solidarietà, perché la solidarietà non arricchisce nessuno! Per questo, noi scegliamo la solidarietà!”.

Roma 11 giugno 2018 – “Speravamo non succedesse, ma lo aspettavamo!” dichiara Guido Barbera, presidente del CIPSI – coordinamento di 34 associazioni di cooperazione e solidarietà internazionale – in merito all’assurda tragedia della nave Acquarius con quasi 630 migranti salvati da un naufragio, che continua a vagare nel Mediterraneo, a metà strada tra la Sicilia e Malta. “Compito della politica e dei politici, continua Barbera, è garantire i diritti di tutti gli esseri umani: bambini, donne, uomini, e la loro convivenza. La politica deve liberarsi da interessi ed affari, ed avere il coraggio di guardare in faccia ogni persona umana, senza distinzioni di età, sesso, razza, cittadinanza. La vita va tutelata e garantita, non può essere oggetto di contese e prove di forza tra politici.

“Nessun Paese ha il diritto di chiudere l’accesso alla speranza di vivere e alla sopravvivenza. Nessuna civiltà può fare a meno dei principi di solidarietà, dei diritti umani, della giustizia, senza cadere nell’inciviltà e nelle barbarie. Un Paese non è forte per quante armi possiede o per quanto alza la voce, ma per quanto sa offrire alla convivenza e al benessere dei cittadini. Nessuno, oggi, può fermare i nostri giovani dal partire verso altri Paesi, così come nessuno, oggi, può fermare chi cerca un futuro nei nostri Paesi. Solo riconsegnando la dignità umana che appartiene ad ogni essere umano, potremo superare le ingiustizie e ritrovare equi livelli di convivenza e vita nel nostro pianeta. Non con la forza, ma nella civiltà.

Condanniamo, conclude Barbera, questa politica che disprezza la vita e la salvezza delle persone migranti. Chiediamo a tutti di rialzare la testa con la fierezza ed il coraggio di guardare in faccia ed accogliere chi soffre, non cacciarlo o lasciarlo in balia dell’oceano. La solidarietà è un dovere. Salvare le persone in mare e portarle in terra è un obbligo. Le migrazioni sono legate al modello di sviluppo, all’ingiustizia sociale, all’iniqua distribuzione di risorse economiche e alla negazione di accesso diffuso a quelle naturali, che la globalizzazione ha costruito. La povertà attuale di molti italiani, non è sicuramente imputabile a quei Paesi che per decenni abbiamo impoverito per accrescere le nostre risorse, quanto piuttosto alle leggi e normative della stessa politica che oggi rifiuta la solidarietà, perché la solidarietà non arricchisce nessuno! La solidarietà però, è la sola soluzione per vivere dignitosamente e tutti insieme. Per questo, noi scegliamo la solidarietà!

Ufficio Stampa, Nicola Perrone, ufficiostampa@cipsi.it, cel. 329.0810937

Un commento per Migrazioni: condanniamo questa politica contro la vita

  1. […] Migrazioni: condanniamo questa politica contro la vita sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.