In vista del voto, il prossimo 19 maggio, al Parlamento europeo, del regolamento sull’importazione di minerali provenienti da zone di conflitto, un collettivo di Associazioni europee ha indetto una campagna (mail bombing) “La sua firma fa la differenza” indirizzata a 358 eurodeputati dei 3 principali gruppi parlamentari che, il 14 aprile scorso, durante l’ultimo incontro della Commissione per il commercio internazionale (INTA), hanno bloccato le proposte provenienti dalla Società civile.

Si tratta del Partito Popolare Europeo (PPE, Cristiano Democratici), dei Conservatori e Riformisti europei (ECR) e dell’Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l’Europa (ALDE)”.

Gli eurodeputati italiani toccati da questa iniziativa sarebbero 17, membri di Forza Italia (FI) e del Nuovo Centro Destra (NCD).

Da notare che si tratta di una seconda fase dell’iniziativa lanciata nel mese di marzo scorso e che, quindi, porta già, tra altri, i login di EurAc, Focsiv, Chiama l’Africa, Cipsi, Minerali clandestini e Rete Pace per il Congo.

Secondo le associazioni, affinché tale legge contribuisca realmente a rompere il legame esistente tra il commercio illegale delle risorse naturali e i conflitti, essa dovrebbe essere applicata in maniera obbligatoria, e non volontaria, a tutte le risorse naturali ed estesa a tutte le imprese europee che introducono sul mercato europeo prodotti contenenti minerali estratti in zone di conflitto.

Per aderire all’iniziativa, eccone il link, in lingua italiana, sul sito di Giustizia e Pace del Belgio: http://www.justicepaix.be/minerali-di-conflitto/

Basta scrivere il proprio nome, cognome e nazione, poi inviare. Attendere un momento e apparirà la dicitura: “L’e-mail è stata inviata con successo”.

Durata dell’azione: dal lunedì 11 maggio fino a martedì 19 maggio.

Si prega di diffondere ampiamente l’iniziativa ai vostri contatti.

 

 

3 Commenti per Minerali da conflitto: mail bombing agli eurodeputati. Firma prima del 19 maggio

  1. ermanno geronzi ha detto:

    Bloccate il commercio illegale delle risorse naturali!!

  2. Calogero ha detto:

    Ritengo che sia sacrosanto che ogni nazione riceva il compenso per i materiali estratti nel proprio territorio , e che non vengano privati della propria ricchezza

  3. […] Minerali da conflitto: mail bombing agli eurodeputati sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.