Roma, 13 dicembre 2013 – “Dopo il flop e le polemiche della prima puntata di Mission, ci aspettavamo che la Rai facesse la seconda puntata in difesa. Lo si era visto nella settimana scorsa quando su Tv Talk si è dato voce solamente al direttore della rete e agli esponenti dell’Unhcr. Si è parlato di sperimentazione. Si è detto che Rai1 poteva permettersi anche un flop, pur di sperimentare un nuovo format. Peccato che tutto questo sia avvenuto sulla pelle dei più disperati, dei rifugiati, degli sfollati. Spettatori nelle prima puntata. Spettatori nella seconda. Si è tentato di nascondere ancora una volta che il programma era partito come reality ed è stato corretto in seguito alle polemiche. Si sono mostrate tragedie, senza curarsi minimamente di denunciare le cause di queste tragedie: perché dieci anni di guerra nella Repubblica Democratica del Congo? Quale ruolo hanno avuto ed hanno la Francia, l’Inghilterra, gli Stati Uniti d’America?

Col principino che non si ricordava neanche il nome del coltan e, naturalmente, dava tutta la colpa della situazione alle autorità locali. Con scene, o sceneggiate, di gente ricevuta in udienza dal principe che ascoltava benevolmente i loro problemi. Ancora una volta trasformando i poveri in mendicanti. E tutto questo con l’unico scopo di raccogliere fondi: perché queste persone a detta del principe ‘hanno bisogno di aiuto’. Non si tratta di esibizione della miseria, ma, peggio di strumentalizzazione dei poveri che non hanno bisogno di aiuto ma di giustizia, e ai quali dovremmo dare solidarietà in termini di riparazione per tutto quanto abbiamo fatto e continuiamo a fare per mantenere le situazioni illustrate nel programma. Non saremo certo noi a salvare il mondo. Noi lo abbiamo ridotto così. Solo facendo solidarietà, cioè mettendoci accanto, rispettando la cultura e la dignità dei popoli impoveriti e riconoscendoli come unici protagonisti del loro sviluppo potremo avere un ruolo positivo in questo cammino. Tutto il resto, anche se illuminato dai riflettori della televisione, non solo è inutile, ma anche dannoso. E i poveri non ce lo perdoneranno.

Ci hanno detto che sono stati chiamati questi vip per invogliare la gente a guardare il programma. Il flop di ascolti dimostra il contrario. Ma non è solo questione di audience. E’ questione di contenuti. E il contenuto ultimo di Mission è solamente di carattere assistenzialista, che rende i disperati di questo mondo non protagonisti della loro storia, ma comparse della nostra storia.

E dispiace davvero che per  difendere una causa perduta in partenza sia intervenuto anche don Mazzi e si sia voluto strumentalizzare perfino la figura di Papa Francesco.    Sarebbe bastato a don Mazzi (ormai troppo abituato ai riflettori televisivi e a parlare di solidarietà tra nani e ballerine) leggersi il messaggio inviato dal Papa in preparazione alla Giornata Mondiale della Pace, per capire che proprio di altra cosa si tratta.

Finisce, almeno lo speriamo, questa squallida avventura di Mission. Speriamo che la Rai, dopo questa sperimentazione, capisca che tematiche come questa vanno affrontate con competenza, dando il ruolo di veri protagonisti a coloro che i drammi di questo mondo li vivono davvero sulla propria pelle. La conduttrice Rula Jebreal ha terminato  il programma invitando i telespettatori ad essere protagonisti inviando un sms. Quasi che i problemi si risolvano schiacciando un bottone di un telefonino  fatto col coltan insanguinato che viene dalla RDCongo. E sarebbe il caso che i dirigenti della Rai capissero  che programmi come ‘C’era una volta’ meritano – loro sì – la prima serata della rete ammiraglia. Farebbero senz’altro anche un ascolto maggiore di quanto alcuni vip farlocchi non sono riusciti a raggiungere”.

 

CIPSI, coordinamento di 37 ong e associazioni di cooperazione internazionale.

 

 

 

Ufficio Stampa Cipsi, Nicola Perrone, ufficiostampa@cipsi.it, cel. 329.0810937

7 Commenti per Mission: pornografia umanitaria. Ci mancava solo don Mazzi

  1. antonio fiscarelli ha detto:

    davvero poco da dire
    la tv è sempre stata una rappresentazione superflua della realtà
    ed anche in questo caso non si è smentita
    (stupisce più che gli intellettuali e i politici non affrontino davvero queste cose…
    ma anche ciò conferma la decadenza della società italiana…)

  2. barbara Musciagli ha detto:

    Io non capisco….. !!! Partendo dal fatto che sin dall’inizio ho espresso il mio giudizio negativo su Mission, ancora prima che andasse in onda. Se il fine era quello di raccogliere fondi ( o almeno questo è il messaggio che la Rai e l’associazione di volontariato ha voluto fare passare) non bastava che i “vips ” avessero rinunciato al loro introito pari a 7000 euro a testa???

  3. Rita ha detto:

    ho guardato la trasmissione per la mia curiosita’, ma e’ stata come una pugnalata al cuore, vedere questi personaggi ” famosi ” andare in questi paesi per far conoscere le realta’ delle persone rifugiate, la loro porveta’, la fatica che devono fare per andare a prendere l’acqua ,cercare il cibo, la fatica per coltivare le loro terre. Nn c’era bisogno che la Rai nel 2013 facesse conoscere al mondo queste realta’, purtroppo sono tantissimi anni che ci sono queste realta’ in questi paesi. Non c’e’ bisogno che facciano una trasmissione, basta pensare che sono anni che arrivano barconi stra carichi di uomini, donne e bambini che scappano dal proprio paese o per la guerra o per una vita migliore. In più, mi chiedo Don Mazzi che va in questa trasmissione e’ stata una pena.
    Scusate se ho fatto qualche errore ma in italiano sono molto una frana.
    ciao Rita

  4. Marco Bernardello ha detto:

    Pur con tutte le imperfezioni del caso, io ho apprezzato. Poi ognuno ha la sua idea.

  5. Mimi Volpe ha detto:

    Questa televisione di stato con le sue solite belle facce impomatate, farebbe davvero un piacere a tutti se chiudesse i battenti!!!

  6. è dal 1993 che vado in Tanzania sud-occidentale ai confini con il Congo….ho riportato un bimbo che adottai a 12 anni e fatto studiare a Roma x 14 anni al Seminario maggiore….diventato sacerdote, l’ho accompagnato al suo villaggio, ho visto le condizioni ancora quasi primitive in cui là ancora vivono e da allora mi sono dato da fare senza sbandierare nulla ai 4 venti….ora hanno una scuola nuova ed un oratorio con infermeria con medicine che porto ogni volta che vado…tutto a mie spese….pensione e ancora lavoro che ancora esercito….quel programma non ha nulla che possa servire realmente a quelle popolazioni, ma solo a far fare bella figura ai partecipanti e ai tuttologi in studio….quanti soldi ed energie sprecate x quasi nulla !!!!

    • lauro baldi ha detto:

      In questo momento mi sento stanco e sfiduciato perchè quello che hai scritto sono anni che viene denunciato da persone accanto ai bisognosi di tutto il mondo, tutte voci da mettere a tacere per mancanza di umiltà e di coraggio, fino alla prossima volta etc.etc.

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.