di Simona Federico

Mercoledì 18 luglio abbiamo ricevuto a in Senegal la visita di Invitalia, incaricata dal Ministero dell’Interno delle attività di monitoraggio. Ne abbiamo approfittato per promuovere un interessante momento di scambio allargato con la partecipazione di tutti i partner attivi in Senegal nell’implementazione del progetto PONTI che ci ha portato a condividere riflessioni sulla valutazione dell’azione a metà percorso e sulla validità dell’approccio proposto sul breve, medio e lungo periodo.

Abbiamo visitato gli sportelli di orientamento di Pikine Est e Thiaroye sur Mer, un servizio innovativo promosso dal progetto grazie alla collaborazione di partner e autorità locali e una buona pratica che sta garantendo la diffusione dell’informazione su opportunità e servizi rivolti a giovani, donne e migranti di ritorno in aeree dove prima difficilmente vi si aveva accesso, per costruire una rinnovata fiducia nei confronti della possibilità di beneficiare di supporto e accompagnamento per sviluppare le proprie potenzialità e avviare attività generatrici di reddito e impiego.

Attualmente sono in corso alcune formazioni, tra cui una in gestione di impresa (a 20 GIE selezionati a Pikine Est che hanno risposto ad un invito a presentare candidature presentando un progetto di impresa) e un’altra specialistica in partenariato (con l’Istituto Maurice de La Fosse di Dakar che nel corso di 5 mesi formerà 150 ragazze con istruzione superiore in amministrazione e segreteria, Marketing & Selling, IT e Blogging, Diritto del lavoro e Contabilità).

L’approccio pratico e concreto è stato molto apprezzato dai partecipanti. “Qualche mese fa sono stata licenziata. Il mio datore di lavoro non mi ha riconosciuto alcun preavviso né una liquidazione ed io non ho reclamato nulla perché non conoscevo la legislazione che mi riconosce questi diritti. Oggi grazie al corso di legislazione giuridica conosco gli obblighi del datore di lavoro nei miei confronti e in futuro sarò in grado di far valere i miei diritti.” ci racconta Aminata Sow una delle partecipanti al corso di legislazione e diritto. Anna Therese Simone, partecipante al corso di segreteria è invece “piacevolmente sorpresa e soddisfatta di scoprire che il corso include anche una parte di tirocinio pratico. In questo modo posso esercitarmi sulle pratiche apprese prima di trovarmi un nuovo lavoro”.

Nei prossimi mesi il lavoro si concentrerà, grazie all’assistenza tecnica di esperti locali e internazionali, sul rafforzamento di attività sostenibili e durevoli nella periferia di Dakar, nelle aree di Kaffrine, Linguère e Thies.

Il lavoro sul terreno prosegue per ampliare l’impatto dell’iniziativa e al contempo migliorare la resilienza delle comunità nelle zone a maggiore rischio migratorio, promuovendo il coinvolgimento delle diaspore come motori di sviluppo nei paesi di origine.

(https://www.arcsculturesolidali.org/it/2018/07/23/il-progetto-ponti-a-meta-percorso/)

 

 

Inclusione sociale ed economica, giovani e donne, innovazione e diaspore
Partner > ARCS • AIDOS • AMS • CIES • CIM • CIPSI • COOPERMONDO •DOKITA • EUROSAPIENZA • GMA • NPSG • OXFAM ITALIA • AMMI • FAST • Amici dell’Etiopia

(edit)

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.