Catena unama a Parigi contro il nucleare civile e militare: no a una Fukushima europea!

Nell’anniversario di Fukushima, Sortir du Nucléaire, una rete di 900 organizzazioni di base francesi, ha organizzato, con il sostegno di molte forze ed intellettuali come Edgar Morin ed il recentemente scomparso Stephane Héssel, a Parigi una catena umana contro il nucleare civile e militare.

Il 9 marzo 20.000 partecipanti (4.000 secondo la polizia), sotto un cielo piovoso, ma un clima temperato, si sono tenuti per mano per strada lungo un percorso di 25 km, partito alle 13.30, che ha circondato i Palazzi del potere nucleare: i ministeri ed il Parlamento, EDF ed Areva.

La richiesta al nuovo presidente Hollande? ottenere una decisione di uscire dal nucleare ed avviare una “rivoluzione energetica” incentrata sul risparmio, l’efficienza, le rinnovabili.

La catena è stata suddivisa in 18 punti di concentrazione, ciascuno dedicato ad un tema attinente la problematica nucleare.

Il punto di concentrazione internazionale, in cui sono confluiti gli attivisti italiani, si è tenuto alla Gare de Lyon.

(Le notizie ufficiali degli organizzatori si rinvengono sul sito: www.chainehumaine.org).

Alle 17.00 concerto in Piazza della Bastiglia tra una folla festante e colorata.

E’ stato letto dal palco tra applausi entusiasti il comunicato del Comitato italiano per attuare la volontà del referendum antinucleare: i “vincitori” del giugno 2011 incoraggiano la lotta antinucleare francese e sottolineano la sua importanza speciale, insieme a quella giapponese.

La lotta è comune perché l’Europa può fare rientrare dalla finestra quello che gli italiani hanno cacciato dalla porta con il voto popolare: occorre una strategia comune per la denuclearizzazione euromediterranea, che si appoggi alle risoluzioni dell’ONU, a partire dal Manifesto redatto da un incontro di antinucleari europei a Firenze nel novembre 2012.

Il Network antinucleare europeo si è rivisto, sempre a Parigi, il giorno successivo, 10 marzo, alla Libreria La Breche di rue Taine 27.

All’ordine del giorno si è affrontata la proposta, presentata dal gruppo austriaco Global 2000, di una Iniziativa dei cittadini europei contro il nucleare: per indirizzare la politica della Commissione UE bisognerà raccogliere 1 milione di firme in almeno 7 Paesi rispettando una quota minima.

L’Italia è pronta a garantire la sua quota minima di almeno 55.000 firme grazie all’impegno in particolare di “Energia Felice”, “SI alle rinnovabili-NO al nucleare”, “Confederazione Cobas”, “Accademia Kronos”.

Ancora è da mettere a punto il testo definitivo e la riunione per esaminarla è convocata in Austria nel maggio pv.

Altro punto in discussione: una eventuale carovana europea sul percorso dei treni delle scorie radioattive, quelli che partono – viaggiando di notte – da Saluggia (deposito italiano) a Les Hague in Normandia, dove gli impianti di ritrattamento ricavano il plutonio sia per le bombe atomiche che per il combustibile MOX.

L’11 marzo, che è proprio la data precisa del disastro di Fukushima, un treno “radioattivo” sarà in sosta al confine tra Italia e Francia: i NO-TAV effettueranno un presidio di protesta come le altre quattro volte precedenti.

Nella carovana si dovranno prendere in esame anche le tratte di percorso che riguardano gli scambi di rifiuti radioattivi tra Francia e Germania.

Vi sono infine da mettere a punto, previa adeguata discussione e riflessione, due campagne internazionali che denunciano conflitti di interessi abnormi del sistema nucleare:

1-     come è possibile che Euratom, l’organizzazione incaricata dello sviluppo nucleare europeo, nata in realtà per scopi militari, possa essere incaricata di stabilire le norme della sicurezza degli impianti e gestire la ricerca per la soluzione tecnica dei rifiuti radioattivi? Come è possibile che il Trattato Euratom del 1957 (entrato in vigore il 1 gennaio del 1958 e modificato nel 2007) possa essere accampato dalla Commissione UE a pretesto per impedire il referendum europeo sul nucleare? Come è possibile che Paesi senza nucleare o che hanno deciso di fuoriuscire da esso possano accettare ancora di fare parte di questa organizzazione? 60 anni di Euratom bastano e bisogna puntare ad abolire questo Trattato entro il 2017!

2-     Come è possibile che l’AIEA, deputata alla promozione del nucleare mondiale cosiddetto di pace e a vigilare sull’attuazione del TNP, possa di fatto sovrintendere al lavoro dell’OMS in materia di rilevamento degli effetti sanitari dell’inquinamento radioattivo? Come è possibile accettare che questa censura di fatto conduca a minimizzare le conseguenze disastrose dal punto di vista della salute degli incidenti nucleari, da Hiroshima e Nagasaki, a Chernobyl e a Fukushima? Anche su questo punto una campagna internazionale deve puntare all’abrogazione dell’accordo del 1957 che sottopone l’OMS all’AIEA in materia di radioprotezione.

 

Le problematiche e le decisioni emerse a Parigi saranno portate all’attenzione del Forum Sociale Mondiale, che si svolgerà a Tunisi a fine marzo.

Fonte:  www.chainehumaine.org

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.