Con il decreto legge 30/2018 Misure urgenti per assicurare la continuità delle funzioni dell’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (ARERA) il Governo intende prorogare il mandato all’ARERA fino alla nomina dei nuovi componenti e comunque non oltre il novantesimo giorno dall’insediamento del prossimo Governo.

Il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua riconferma il suo giudizio assolutamente negativo sull’operato di ARERA.

Giudizio che parte soprattutto dal mancato rispetto dell’esito referendario e dunque dalla mancata eliminazione dalla tariffa di qualsiasi voce riconducibile alla remunerazione del capitale investito. Al contrario l’Autorità ha fatto rientrare dalla finestra i profitti garantiti per i gestori sotto la denominazione di “costo della risorsa finanziaria”. Sostanzialmente non ha fatto altro che reintrodurre il vecchio meccanismo “eludendo” il risultato del referendum con il quale la maggioranza assoluta delle italiane e degli italiani ha deciso esattamente l’impossibilità di remunerare in tariffa il rischio d’impresa, piccolo o grande che sia, in quanto ha sancito il divieto di continuare a fare profitti sull’acqua.

Così facendo l’Autorità lascia che i soldi, e sono tanti, del settore idrico siano sottratti agli investimenti nel servizio – o per la riduzione della tariffa – per distribuirli invece come dividendi agli azionisti pubblici e privati.

Da ultimo ARERA – in spregio alla legge e con meccanismi contorti e assurdi – ha praticamente sottratto ai Comuni rappresentati nelle Conferenze ATO locali, il diritto di stabilire una tariffa annuale dell’acqua trasparente, equa e giusta.

ARERA ha dimostrato di non tutelare né il servizio idrico né gli utenti, ma solo gli interessi delle aziende che dovrebbe controllare ma dai finanziamenti delle quali dipende la sua stessa esistenza.

Per l’enormità dei compensi ai 5 consiglieri dell’ARERA (quasi €1.400.000 l’anno pagato con le tariffe), per la gravità delle loro scelte, per l’enorme conflitto di interessi in atto (il controllore è finanziato dal controllato), per la responsabilità sui conguagli tariffari arretrati e da ultimo poiché riteniamo che l’approvazione di una nuova norma tariffaria non possa essere in nessun caso considerata mero adempimento tecnico, bensì elemento sostanziale di rispetto del voto democratico della maggioranza assoluta del popolo italiano, chiediamo il ritorno delle competenze sul servizio idrico integrato, oggi in capo all’ARERA, al Ministero dell’Ambiente.

Un commento per No alla proroga! Fuori l’acqua dall’ARERA

  1. […] No alla proroga! Fuori l’acqua dall’ARERA sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.