Il 13 aprile di due anni fa il naufragio della barca con 198 migranti a bordo.
Fonte: “Pantelleria Internet”.
All’alba del 13 aprile di due anni fa in località Arenella, davanti al cimitero naufragava una barca che aveva a bordo 198 migranti. Era partita dalle coste libiche e doveva portare i disperati che aveva a bordo a Lampedusa. Gli scafisti sbagliarono la rotta e si ritrovarono a Pantelleria. Volevano entrare, forse, nel porto, ma il mare improvvisamente, per il forte vento, si alzò. Gli scafisti non conoscevano l’isola e le insidie delle sue coste, così la barca finì sugli scogli. L’allarme scattò subito ed in un baleno sul posto si ritrovarono gli uomini (e le donne) della Capitaneria di porto, le forze dell’ordine, carabinieri e finanza, i vigili del fuoco, i volontari, le ambulanze dell’ospedale e della misericordia. Un ponte di corde fu creato con l’aiuto anche dei sub di Pantelleria, e ad uno ad uno furono portati in salvo uomini donne e bambini. Tre non ce la fecero. Due corpi di donne furono ritrovati subito, un terzo, quello di un uomo dopo due giorni. Una delle due donne era la madre di cinque figli, si chiamava Leonie. Il marito, Camille diede la notizia ai cinque bambini, tre maschietti e due femminucce, con grande dignità nell’ospedale Nagar dove erano tutti ricoverati. Li volle davanti a sé, i più piccoli, Rais e Ernest sulle ginocchia e tutti insieme recitarono il rosario. Al termine decisero che non si sarebbero più mossi da Pantelleria per rimanere vicini alla loro mamma che avrebbero sepolto nel cimitero dell’isola. In ospedale il direttore sanitario dottor Luca Fazio, mobilitò tutti i medici e gli infermieri per dare le prime cure ai feriti ed assistere le donne e i numerosi bambini. L’assistenza da parte delle associazioni umanitarie e dei volontari continuò nei giorni successivi al naufragio. Tutta Pantelleria si mobilitò e al centro di prima accoglienza arrivarono abiti, scarpe, cibi e soprattutto tanta solidarietà.
Il video del naufragio

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.