Il nuovo reportage prodotto da Legacoopsociali: presentato a Roma il 26 marzo nella Settimana Unar. In occasione della Settimana Unar contro le discriminazioni razziali 2014 Legacoopsociali ha presentato a Roma lo scorso 26 marzo, un nuovo reportage: “Senza paura – raccontare, costruire, cambiare” (18 minuti, Italia), con la partecipazione straordinaria di Fiorella Mannoia.

“Senza paura” nasce dall’esigenza di raccontare in tre capitoli i temi dell’accoglienza, dell’inclusione e dell’integrazione. A Lampedusa c’è il racconto dei testimoni dei naufragi e degli sbarchi insieme al punto di vista dell’isola attraverso le parole del sindaco Giusy Nicolini; a Torino c’è la costruzione dei progetti inclusivi di una vasta rete di associazioni e cooperative sociali per i rifugiati e per i rom di uno dei più grandi campi della capoluogo piemontese; a Parma c’è l’esperienza di Cleophas Diomà, direttore artistico del Festival Ottobre africano, evento in corso da dieci anni e sbarcato a Roma nel 2013, che ha ricevuto il premio come miglior evento africano in Italia nel 2013.
Ad accompagnare questo viaggio c’è la cantante Fiorella Mannoia, madrina proprio dell’Ottobre africano e impegnata sul fronte dei diritti dei migranti a cui ha dedicato “Sud”, uno dei suoi ultimi lavori musicali. Il reportage è stato realizzato da nelpaese.it, il portale quotidiano d’informazione di Legacoopsociali, con la collaborazione dei giornalisti e documentaristi Mario Leombruno e Luca Romano.

Tutte le testate web e televisive possono richiedere il reportage per la libera proiezione sui propri canali. È possibile vedere il trailer a questo:
https://www.youtube.com/watch?v=ueJ2XiCOnRY

A un anno di distanza da Stazione Mediterraneo, reportage prodotto per l’edizione 2013, Legacoopsociali ha voluto mettere al centro la necessità del racconto. Attraverso le immagini lo sguardo si apre verso la realtà in continua trasformazione, soprattutto di fronte a un fenomeno storico come quelle delle migrazioni. Persone e popoli si spostano per trovare un futuro o almeno un presente dove poter vivere lontano da guerre, povertà o per trovare il posto più adeguato dove crescere.

Questa volta il nostro viaggio non si è fermato tra il Sud e Roma o a esperienze modello di integrazione e inclusione. Abbiamo attraversato la penisola per ascoltare e osservare che l’alternativa all’attuale legislazione è alla portata di mano, nella vita di ogni giorno. Eppure da Lampedusa a Torino, passando per Parma, abbiamo ascoltato più volte la stessa parola: paura. Quella del sindaco Giusi Nicolini verso le politiche sbagliate di questi anni; quella dei rom e dei rifugiati a Torino; quella di Cleophas Diomà quando era clandestino in Italia che ha scelto come Paese in cui vivere. Ebbene tutte queste persone hanno cacciato via la paura.

Il sindaco Nicolini, nonostante la solitudine di quell’isola, non rinuncia all’idea di accoglienza umana e possibile. I rom e i rifugiati provano ad essere protagonisti insieme a una rete di associazioni e cooperative sociali per progetti di inclusione e partecipazione. Cleophas racconta l’idea del Festival Ottobre Africano che dopo dieci anni è un evento nazionale premiato come miglior evento africano in Italia e che nel 2013 ha visto la partnership proprio di Legacoopsociali.

Sono volti ed esperienze che costruiscono giorno per giorno e provano a cambiare. In questo modo si puo’ cacciare indietro la paura e questo viaggio lancia un messaggio a tutti:  alla politica e alle istituzioni per rivedere completamente le leggi che hanno fallito; a chi soffia sul fuoco dell’intolleranza e della xenofobia mentre le nostre città sono già multietniche e multirazziali; a chi pensa che tenere chiuse le persone in centri circondati dal filo spinato possa garantire accoglienza e dignità. Lo afferma con forza la cantante Fiorella Mannoia che è un’altra voce e un altro volto di questo reportage e che ringraziamo tantissimo per la sua disponibilità. Non è un caso la sua partecipazione: madrina del Festival Ottobre Africano, ha marcato il suo impegno civile anche nel suo disco Sud in favore dell’apertura e dell’integrazione fra i popoli.

Infine, ne approfitto per fare i dovuti ringraziamenti che pure sono scritti nei titoli di coda ma vanno ricordati. A Legacoopsociali che ha permesso questa produzione; a Mario e Luca che con passione e professionalità hanno accettato questo progetto; a Elisa Profico, collega della coop sociale Animazione Valdocco e a tutti i suoi soci e operatori che sono tra i protagonisti; a tutti i colleghi del nostro quotidiano on line nelpaese.it che prova a raccontare il Paese da un altro punto di vista; al Giornale Radio Sociale e a tutti quei giornalisti impegnati per un’informazione responsabile; a chi ogni giorno è impegnato per il rispetto dei diritti di tutti e soprattutto dei più deboli, molti sono oggi qui presenti a questo evento.

 

Grazie e buona visione.

 

Dioma Cleophas Adrien
Festival Ottobre Africano
www.ottobreafricano.org
333.2246672
cleobibisab@yahoo.com
info@ottobreafricano.org

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.