Se questa immagine
di un bambino siriano annegato su una spiaggia del nostro Mediterraneo
non cambierà il nostro atteggiamento
verso i rifugiati e le troppe tragedie dei nostri giorni
cosa potrà mai riuscirci?

unnamed

Cosa ci sta succedendo? Cosa siamo diventati?

Queste immagini devono essere viste. Da tutti. Fino a quando non ritroveremo
la nostra umanità.

Guardiamola questa immagine!
Anche se è straziante.
Anche se ci fa stare male.

Guardiamoci dentro.
E domandiamoci se stiamo facendo tutto quello che è giusto fare.

Lasciamo scorrere le nostre lacrime.
E chiediamo perdono per quello che non abbiamo fatto.

Non possiamo sempre fare finta di niente!
Non ci possiamo sempre voltare dall’altra parte.
Non possiamo sempre chiudere gli occhi.

Perugia, 3 settembre 2015 – www.perlapace.it
T 335.6590356 – 075.5736890

2 Commenti per Se questa immagine non cambierà il nostro atteggiamento …

  1. […] Se questa immagine non cambierà il nostro atteggiamento … sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

  2. […] Se questa immagine non cambierà il nostro atteggiamento … sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.