“ECONOMIA SOCIALE … VIAGGIO NELL’ITALIA CHE RESISTE E SFIDA LA CRISI … L’ALTERNATIVA NASCE DAL BASSO”. Seminario per giovani dai 16 ai 30 anni. Aversa (Ce), 15 marzo 2014

Gli AUDIO del Seminario:

disponibili a breve

Roma 25 febbraio2014 – “ECONOMIA SOCIALE … VIAGGIO NELL’ITALIA CHE RESISTE E SFIDA LA CRISI … L’ALTERNATIVA NASCE DAL BASSO” è il titolo del seminario per giovani dai 16 ai 30 anni che si svolgerà ad Aversa (CE) il 15 marzo 2014, presso la Fattoria Fuori di Zucca, Via Giovanni Linguiti 54 – Parco della Maddalena- ex Ospedale Pschiatrico. Il seminario è organizzato da Solidarietà e Cooperazione CIPSI – coordinamento di 30 associazioni di solidarietà internazionale – e da FCRE Fondazione Culturale Responsabilità Etica nell’ambito del progetto “Challenging the Crisis”, che ha l’obiettivo di creare un network europeo di giovani che autogestiscono e promuovono una campagna di informazione e sensibilizzazione sui temi della giustizia globale e dello sviluppo.
Sotto il peso della crisi c’è un nuovo mondo che si affaccia! Troppo spesso ignorato dalle istituzioni e dallo stesso sistema economico. Oggi l’economia sociale non solo crea posti di lavoro, ma promuove un nuovo lavoro e un nuovo modello economico capace di coniugare giustizia sociale e giustizia ambientale. La nostra penisola vanta esperienze eccezionali di economia sociale, spazio di inclusione per categorie vulnerabili che trovano dignità e riscatto.
Il sud di Italia è il cuore di un altro mondo possibile, dove la lotta alla criminalità organizzata si lega saldamente allo sviluppo equo, sostenibile ed inclusivo del territorio. Ed ecco esperienze eccezionali come la Fattoria Fuori di Zucca, collocata in uno dei simboli dell’esclusione sociale e della negazione dei diritti umani, l’ex manicomio criminale di Aversa. Oppure la coop Eureka che pratica l’inclusione in un bene confiscato alla famiglia di Schiavone, o ancora la coop. Resistenza che a Scampia gestisce il Fondo Rustico “Amato Lamberti”. Il seminario, ultimo di un ciclo di 3 incontri, vuole indicare strade da percorrere, alternative possibili per sconfiggere la crisi, non per parlare di pace e giustizia, ma per realizzarla giorno dopo giorno. L’economia sociale è una delle vie da percorrere per invertire la rotta in questa parte del mondo.
Il programma prevede una introduzione di Marco Baravalle _ Fondazione Cultura e Responsabilità Etica (FCRE) e Ilaria Signoriello (CIPSI). Interventi del Presidente Coop. Soc. “Un fiore per la vita” Giuliano Ciano su Economia sociale e il suo ruolo nel grane quadro della giustizia globale; del Presidente Coop. Soc. “Agropoli” Peppe Pagano su Economia sociale quale antidoto all’economia criminale. L’esperienza del NCO _ Nuova Cooperazione Organizzata; del Referente Soci Area Sud di Banca Etica, Dott. Luigi Saccenti su La Responsabilità Sociale d’impresa e il legame con i potenziali spazi di collaborazione tra profit e non profit. Nel pomeriggio. Viaggio nell’Italia che Resiste con le testimonianze di: Presidente della Coop Soc. EUREKA, Mirella Letizia, su L’esperienza della Coop EUREKA che gestisce e produce su di un bene confiscato alla famiglia Schiavone a Casal Di Principe; del Presidente Coop. Soc. Resistenza, Ciro Corona su l’Italia che Resiste _ l’esperienza della Coop Resistenza che gestisce il bene confiscato “Fondo Rustico Amato Lamberti”.
La partecipazione al seminario è gratuita e la scadenza per l’iscrizione è il 13 marzo gennaio 2014. Per iscriversi o per info: Ilaria Signoriello giovani@cipsi.it e Marco Baravalle baravalle.fondazione@bancaetica.org

SCARICA PROGRAMMA:seminario Challenging the crisis_Fattoria Fuori di Zucca (3)

SCARICA ISCRIZIONE: MODULO ISCRIZIONE AVERSA

Facebook: https://www.facebook.com/challengingthecrisis?fref=ts

image003.jpg crisis

BIOGRAFIE RELATORI.

Ciro Corona, Laurea in Filosofia alla Federico II di Napoli. Premio Nazionale Borsellino 2013 nella categoria Legalità. Fondatore e attuale Presidente dell’associazione (R)ESISTENZA Anticamorra di Scampia, gestisce il primo bene agricolo confiscato di Napoli, lavorando col reinserimento lavorativo dei minori “a rischio” e dell’area penale. Sta avviando a Scampia “L’Officina delle Culture – Gelsomina Verde” con lo scopo di dare alternative culturali, professionali e lavorative ai minori del Quartiere.

Luigi Saccenti: Referente Soci Area Sud di Banca Etica.
Nato a Pozzuoli (NA) nel 1962, è laurea in Ingegneria Elettronica (BioIngegneria) a cui aggiunge studi ed approfondimenti sulle tematiche dell’Organizzazione Aziendale. Amministratore Delegato della società consortile Exoform accreditata al Ministero del Lavoro per la selezione e la formazione del personale. Amministratore Unico di Alba Consulenze srl (formazione e consulenza) e Prima Sociale Srl (Responsabilità Sociale d’Impresa, bilancio sociale e preistruttorie bancarie). Direttore dell’Organismo di Orientamento e Formazione Progetto Uomo Onlus accreditato in Regione Campania con attività prevalente nella formazione primaria, nella lotta alla dispersione scolastica e nell’affiancamento di giovani alla ricerca di prima occupazione attraverso l’attivazione di stage aziendali.
Amministratore Unico della cooperativa “La Prima Società Cooperativa Sociale onlus a r.l.” (minori immigrati senza fissa dimora), socia e componente del CdA della cooperativa Viaggi e Miraggi Onlus per il Turismo Responsabile. Socio fondatore di associazioni culturali e di volontariato tra cui la Flegrea Associazione di volontariato Tutela Animali (FATA), Mediterraneo ForManagement, Mediterraneo 2000 Onlus.
Socio fondatore dal 2006 del Circolo ACLI Dicearchia di Pozzuoli.
Coordinatore della Circoscrizione Locale di Napoli dal novembre 2008, nel dicembre 2009 è stato eletto Referente dei soci dell’Area Sud di Banca popolare Etica.
Componente per il GIT di Napoli del Comitato per il microcredito nel rione sanità.

Giuliano Ciano è nato nel 1978 a Napoli e vive a Casoria comune della provincia di Napoli.
Studia all’istituto tecnico agrario statale “ E. De Cillis” di Ponticelli, a Napoli, dove consegue il diploma di perito agrario nell’anno 1996.
Nel 2000 diventa consulente tecnico agrario per la produzione agricola biologica e florovivaistica e responsabile della commercializzazione presso la cooperativa sociale “Un fiore per la vita” .
La cooperativa gestisce la fattoria sociale “Fuori di Zucca”, un’ala dell’ex manicomio psichiatrico di Aversa, e Ciano, insieme ad altri soci della cooperativa, riesce a trasformare questo posto.
I terreni vengono coltivati secondo le metodiche dell’agricoltura biologica e certificati da Bioagricert, si effettuano percorsi di inserimento lavorativo ed educazione al lavoro per persone in difficoltà e, essendo diventato un agriturismo, è oggi un posto molto frequentato e vissuto dai bambini, genitori, scolaresche del luogo restituendo al territorio un bene comune altrimenti abbandonato.
Il suo impegno in ambito sociale, lo porta nel 2006 ad acquisire la qualifica professionale di Tecnico dell’inserimento lavorativo e nel 2007 diventa presidente della cooperativa “Un fiore per la vita”, ruolo che ricopre tuttora.
Ciò lo spinge ad indirizzarsi verso il terzo settore e a stringere rapporti con le ASL, i comuni e altri enti per la realizzazione di progetti volti all’inserimento lavorativo delle persone provenienti dalle fasce svantaggiate, prima presso la fattoria e poi anche in altre cooperative nell’area della provincia Caserta in Campania, con le quali si condividono principi e valori del lavoro sociale.
Da questa collaborazione nasce nel 2012 il consorzio di cooperative sociali “ Nuova Cooperazione Organizzata”, di cui Ciano è presidente, dove tutte le consorziate sono legate dall’impegno forte contro la cultura camorristica che si concretizza nella gestione di beni e terreni confiscati alla camorra.
Quindi parte il riscatto delle Terre di Don Peppe Diana con l’iniziativa “Facciamo un pacco alla camorra”.

Social economy ….
journey through Italy that resists and challenges the crisis…the alternative starts from the bottom.

Under the crisis there is a new world coming up! A new world most of the time ignored by Political Institutions and by the economic system.
Social economy not only is creating new job opportunities but also is promoting a new job, a new economic model able to combine environmental and social justice.
In the field of social economy Our peninsula boasts exceptional experiences, space for social inclusion of vulnerable categories that find dignity and redemption.
The south of Italy is at the heart of another possible world, where the fight against the mafia is tightly linked to the sustainable, equitable and inclusive development of the territory.
and behold exceptional experiences such as the Social Farm Fuori di zucca, born inside one of the symbols of social exclusion and human right violation: the former criminal mental institution in Aversa. Or again the social cooperative Eureka that practices social inclusion in a confiscated property belonging to the family of Schiavone. And again the Social cooperatives Resistenza that runs the confiscated property “fondo Rustico A. Lamberti.

The seminar is the least of a cycle of three seminars and it wants to indicate ways forward, possible alternatives to defeat the crisis, in order to stop talking about peace and justice, but to start building justice day by day in each one life. And social economy is one of the route to follow to reverse the course in this side of the world.
Ufficio Stampa, Nicola Perrone, ufficio stampa@cipsi.it, cel. 329.0810937

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/challengingthecrisis

image003.jpg crisis

“Il presente progetto è finanziato con il sostegno dell’Unione Europea.
L’autore è il solo responsabile di questa comunicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute”.

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.