Senegal: campagna di sensibilizzazione Took Sabab Tekki. Restare, Intraprendere, Riuscire.

Dal 13 al 24 Novembre si è tenuta la formazione dei promotori sociali presso il Centro Professionale per i giovani e le donne di Thiaroye-sur-Mer, in Senegal. La formazione è stata animata dall’esperta Alessia Romeo di CIES ONLUS e da Mamabaye Diop, professionista locale e migrante di ritorno. Hanno partecipato 16 membri delle organizzazioni della società civile di Guediawaye, Pikine Est, Thiaroye-sur-Mer, Kaffrine e Thies, zone di intervento del progetto PONTI. Il gruppo di promotori, da subito coeso e propositore di molte idee creative, ha suggerito una campagna di sensibilizzazione innovativa sulle opportunità formative e professionali,da realizzare in seno al progetto PONTI, sulle possibilità di lavoro e di formazione per giovani e donne  presenti sul territorio senegalese e sui rischi della migrazione irregolare. Diverse le metodologie che verranno adottate durante questi 12 mesi di attività: informazione sui social network, teatro, musica, spot radio e video. La formazione ha visto la presenza anche del Professore Aly Tandian dell’Università Gaston Berger di Saint-Louis, che ha approfondito la questione della migrazione senegalese con dati e testimonianze della diaspora.

Giovedì 23 Novembre, in occasione della proiezione del film “Fuocoammare”, nell’ambito del progetto “Sunu Cinema”, finanziato dalla rete EUNIC Sénégal in collaborazione con la Direzione Nazionale della Cinematografia del Ministero della Cultura e della Comunicazione, è stata presentata la campagna di sensibilizzazione “TOOK SABAB TEKKI “ ( in wolof “restare, intraprendere, riuscire”).  Moussa Ndiaye,dell’Associazione ASSITEJ e promotore sociale nell’ambito del progetto PONTI, si è indirizzato ad un grande pubblico a Yembeul Nord, nella periferia di Dakar, ivi compreso l’Ambasciatore italiano Francesco Paolo Venier, e i rappresentanti della Delegazione Europea e dell’Ambasciata Francese. Tutti hanno partecipato alla proiezione con molto entusiasmo.

In questa occasione è stata avviata anche l’attività dello sportello informativo itinerante sui servizi offerti dal progetto PONTI con la partecipazione degli operatori di Thiaroye-sur-Mer e Pikine Est. Il punto di informazione ha destato molto interesse e ha permesso a giovani e donne di Yembeul di conoscere i nuovi servizi presenti nel territorio: formazione professionale e avvio di piccole attività imprenditoriali. La zona prescelta è la periferia di Dakar, dove le possibilità di crescita sono minime e molto spesso l’informazione è carente.

 

 

Inclusione sociale ed economica, giovani e donne, innovazione e diaspore
Partner > ARCS • AIDOS • AMS • CIES • CIM • CIPSI • COOPERMONDO •DOKITA • EUROSAPIENZA • GMA • NPSG • OXFAM ITALIA • AMMI • FAST • Amici dell’Etiopia

(edit)

 

Articoli con lo stesso argomento:

Un commento per Senegal: campagna di sensibilizzazione “Restare, Intraprendere, Riuscire”

  1. […] Senegal: campagna di sensibilizzazione “Restare, Intraprendere, Riuscire” sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.