“Sorrisi di madri africane” è la campagna del Comitato Collaborazione Medica per promuovere e garantire il diritto alla salute alle madri e ai bambini africani, che rappresentano il futuro e la possibilità di sviluppo delle comunità locali.

Il diritto alla salute nei Paesi a basso reddito è ancora una conquista da attuare pienamente che richiede impegno sia da parte della comunità locale sia di quella internazionale.

Il 99% dei decessi legati alla salute materna avviene nei Paesi a basso reddito e per ogni donna che muore altre 20 possono comunque andare incontro a  conseguenze fisiche significative non solo dal punto di vista sanitario, ma anche lavorativo e sociale.

Nell’Africa Sub-sahariana la mortalità dei bambini con meno di 5 anni è elevatissima. Almeno due terzi di queste morti possono essere evitate, in quanto dovute a malattie da noi facilmente curabili (diarrea, polmonite e malaria sono ancora le cause principali, alle quali si aggiunge per molti paesi l’infezione da HIV).

Molte vite di madri e bambini possono essere salvate o migliorate perché conosciamo le cause che portano alla morte o a malattie gravi, spesso invalidanti. Non servono tecnologie avanzate per prevenirle, ed inoltre gli interventi da mettere in campo sono relativamente semplici e poco costosi.

È per tale ragione che il CCM ha lanciato una campagna pluriennale per riportare l’attenzione su questo problema e coinvolgere la società civile e le istituzioni in un impegno comune volto a dare risposte concrete,  entro il 2015. La salute è un diritto fondamentale e garantirlo a tutte le donne ed i bambini non è solo un dovere ma anche un modo per sconfiggere la povertà.

(Mostra Sorrisi di madri africane from Comitato Collaborazione Medica on Vimeo).

OBIETTIVI DELLA CAMPAGNA

La campagna vuole coinvolgere le istituzioni e la società civile italiana perché insieme si possa restituire un sorriso alle madri e ai bambini in Burundi, Etiopia, Mali, Kenya, Somalia, Sud Sudan.

Gli obiettivi che si vogliono raggiungere entro il 2015

–    Sensibilizzare e stimolare alla partecipazione attiva il maggior numero possibile di persone, istituzioni, organizzazioni economiche e culturali sui problemi sanitari dei Paesi a basso reddito, sottolineando il loro impatto sullo sviluppo di questi paesi africani, con  attenzione particolare alla tutela e promozione della salute materno infantile

–   Raccogliere fondi per sostenere le iniziative che il CCM porta avanti in Africa sia per garantire una gravidanza priva di problemi ed un parto sicuro a 200.000 donne sia per assicurare una nascita senza complicazioni, unitamente a  vaccinazioni e cure a 500.000 bambini.

BISOGNA AGIRE SUBITO!

Restituire un sorriso a queste madri e ai loro bambini è un dovere di tutti noi!

Ecco come puoi aiutarci:

  • attraverso una donazione;
  • come media-partner o attraverso la concessione di un patrocinio o di una sponsorizzazione;
  • diffondendo la campagna all’interno delle proprie comunità di appartenenza (es. al lavoro, a scuola, presso la propria associazione…),
  • organizzando un evento di solidarietà. Sono a disposizione i materiali della campagna che puoi richiederci o scaricare dal sito

Per maggiori informazioni scrivi a campagnasorrisi@ccm-italia.org

Tagged with →  

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.