Copertina sul vertice del clima a Cancun, dossier sulla cooperazione internazionale, inserto centrale dell’associazione “Voglio Vivere”. Continua la campagna abbonamenti! Info su www.solidarietainternazionale.it

È uscito il numero 01 – gennaio 2011

di “SOLIDARIETA’ Internazionale”,

rivista mensile

di fatti, notizie e cose

dal mondo edita da

Solidarietà e Cooperazione – Cipsi:

questo mese focus sul clima a Cancun

e inserto centrale dell’Associazione “Voglio Vivere”.

 

Abbonati subito!

Puoi leggere “Solidarietà Internazionale” anche on line su www.solidarietainternazionale.it.

Per informazioni sulla rivista e sugli abbonamenti:

Solidarietà e Cooperazione – Cipsi, tel. 06.5414894, fax: 06.5415730,

mail: promozione@cipsi.it e rivista@cipsi.it, web: www.solidarietainternazionale.it e www.cipsi.it.

Ricordiamo che è possibile abbonarsi anche tramite Paypal su www.solidarietainternazionale.it/abbonamenti.html

IN QUESTO NUMERO

Senza Firma

Un anno in movimento cominciando dall’acqua

 

La Copertina: Il clima a Cancun

Eppur si muove. Basso profilo, secondo le previsioni. Bolivia, Davide contro Golia. Protagonismo di Brasile, Cina, Sudafrica e India. Stati Uniti all’angolo. Urgente l’impegno della società civile. di F. Martone

L’acqua di Cancun. Al centro dei negoziati non tanto l’acqua ma le lobbies dell’acqua, che si candidano in questo modo a diventare i gestori degli ingenti fondi messi a disposizione per le misure di adattamento. di C.Thomareizis, M. Iob, T. Fattori, D. Del Bene

Non solo referendum sull’acqua. A Cancun i potenti si sono preparati e si sono mossi lucidamente con progetti globali di mercificazione, mutuando linguaggi dai nostri stessi argomenti. I movimenti invece sono andati in ordine sparso. di E. Molinari

Il Dossier

Il fantasma della cooperazione. I fondi italiani destinati alla cooperazione toccano il minimo storico. E questo in controtendenza rispetto alle scelte di altri governi europei. Non è solo questione di bilancio. Si tratta di una precisa scelta politica. Il mondo è una casa comune e appare ingiustificabile questo disinteresse. È urgente la partecipazione dal basso dei cittadini. di G. Barbera

Le Nazioni Unite parte del problema. Il fallimento degli Obiettivi del millennio trova responsabilità anche all’interno delle Nazioni Unite. Ingranaggi arrugginiti e conoscenze di ieri applicate oggi. L’analisi di Sandro Calvani, responsabile del centro Asean di Bangkok. di G. Augello

Crisi umanitarie. 28 paesi. 50 milioni di persone. È emergenza record. Tra fame e conflitti, la penuria dilaga per un numero crescente di persone pari all’intera popolazione italiana. Sono 28 i paesi colpiti. Il Sudan si trova nella situazione più drammatica. Intanto la spesa militare mondiale aumenta a dismisura. di E. Pochi

L’intervista

Il badile della solidarietà. Gianfranco Cattai: una vita in movimento. Nato a Bordeaux da una famiglia di origini venete emigrata all’estero. Architetto. Da sempre impegnato nella solidarietà e nella cooperazione internazionale, anche se non ha mai abbandonato un approccio professionale. Sposato. Due figlie. Oggi è presidente della Focsiv. di E. Melandri

 

Contorni&Dintorni

Quando il pastore diventa lupo. Dopo la stagione delle grandi sorprese elettorali, l’America latina vive ora una fase di crescente polarizzazione che mette a rischio il processo di integrazione regionale ed evidenzia il gigantismo del suo principale attore economico, il Brasile. di C. Colombi

Gaza off limits. Angela Lano voleva arrivare a Gaza. Ma il 31 maggio 2010 la Freedom Flotilla veniva attaccata in acque internazionali dalla marina israeliana. Si contarono nove morti e numerosi feriti. Angela Lano venne arrestata. Per alcuni giorni non si seppe nulla di lei. Poi, finalmente, l’intervento delle istituzioni diede l’annuncio del suo rilascio. di P. Bizzarri

La sedia vuota di Oslo. Liu Xiaobo, scrittore dissidente cinese, ha ricevuto il Nobel per la Pace 2010. Ma ad Oslo non c’era. Resta chiuso in un carcere cinese. La sedia vuota di Oslo è il simbolo di quanta strada ancora debbono fare i diritti umani per diventare norma. Non solo in Cina, ma anche in quei paesi che, per dire il loro dissenso, hanno disertato la cerimonia. di F. Tacchia

L’erba e gli elefanti. La tela che fa da sfondo agli avvenimenti è costituita segnatamente da due fattori, quello religioso e quello etnico. Ouattara è musulmano e Gbagbo cristiano. Il credo religioso ha largamente pesato sul voto, ma appare improbabile che esso possa armare le braccia dei cittadini. L’ivoirité, invece, ha fatto largamente breccia nella testa di milioni di persone. di E. Barnabà

L’acqua che unisce. Il modo più significativo con cui celebrare l’unità d’Italia sarebbe quello di imporre come cittadini, attraverso il successo dei due referendum, dichiarati ammissibili dalla Corte, l’avvio di un rinnovamento della politica a tutela dei diritti. Considerando l’acqua un diritto. di R. Lembo

Inserto: Voglio Vivere. Insieme contro tutte le lebbre

Si chiamava Raoul Follereau. Era conosciuto come l’apostolo dei lebbrosi. È in suo nome e per continuare la sua guerra contro tutte le lebbre che a Biella nel 1994 nasce “Voglio Vivere”. A costituire l’associazione è un gruppo di persone che ha alle spalle fino a 40 anni di lavoro volontario contro la lebbra e contro tutte le forme di lebbra.

 

Le due nuove rubriche di “Solidarietà Internazionale”

Gli altri siamo noi Per approfondire e far conoscere dall’interno storie di vita ed eventi del mondo degli “altri”. In questo numero “I Sud che si raccontano. Dalla sardegna al Ghana”. di R. e S. Marcone

Noppaw.org Per raccontare la lunga marcia verso la candidatura delle donne africane al Premio Nobel per la Pace 2011. In questo numero la storia di Anna Grace Nakasi dall’Uganda. di M. Salluzzo

E ancora

le rubriche di commento, analisi e riflessione di Gianni Caligaris, Tonio Dell’Olio, Giancarla Codrignani, Antonio Nanni, Cleophas Adrien Dioma, Roberto Musacchio, Guido Barbera, Michele Zanzucchi e la bacheca con eventi, appuntamenti e consigli editoriali a cura di Tiziana Miglino.

Articoli con lo stesso argomento:

Tagged with →  

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.