17 morti, 1.700 feriti: i soldati israeliani sparano su donne e bambini nel Giorno della Terra che ha visto 20mila palestinesi in marcia a Gaza «per il ritorno», verso il confine con Israele. Una strage annunciata da Tel Aviv. Mustafa Barghouti: «Dall’Europa solo slogan».

Di fronte a un atto simbolico evocante l’idea del ritorno, l’uso della forza da parte israeliana è un messaggio ben chiaro: chi vuole attraversare la frontiera può essere solo un uomo morto.

Per chi volesse approfondire, qui puoi leggere la Copertina della rivista Solidarietà internazionale n. 1/2018 sull’argomento: Si-01-2018-COP

Un commento per Via Crucis a Gaza

  1. […] Via Crucis a Gaza sembra essere il primo su Solidarietà e Cooperazione […]