A Sakbayémé, in Camerun , si vuole realizzare un Centro di formazione ed educazione popolare. Il progetto è stato proposto durante la Campagna per l’assegnazione del premio Nobel della Pace 2011 alle donne africane, dalla teologa camerunense Helene Yinda, con l’obiettivo di migliorare la scolarizzazione dei figli e la formazione delle donne nei villaggi di Sakbayémé. Oltre alla costruzione del centro di formazione sono previste altre attività a favore di 2000 donne, 1500 bambini, 100 persone con handicap fisco di 10 villaggi: corsi di formazione su TSI/HIV-AIDS e impatto nella vita delle donne; corsi per informazione e formazione di base su diritti umani; programmi di alfabetizzazione e corsi per la scolarizzazione delle bambine.

Il progetto è in via di realizzazione da Voglio Vivere Onlus e CEREFO – Centro per la Ricerca, la Formazione e l’educazione Popolare del Camerun. Il Costo totale previsto è € 73.418 

Coordinate bancarie per donazioni:
Nome banca: CASSA DI RISPARMIO DI BIELLA E VERCELLI
Intestazione Conto Corrente: Voglio Vivere
Iban: IT 89 D 06090 22300 000000 445860

Per informazioni:  voglio-vivere@voglio-vivere.it


Il Ccm, Comitato Collaborazione Medica, promuove la Campagna “Sorrisi di madri africane”, con l’obiettivo di garantire una gravidanza ed un parto sicuri a 200.000 donne; assicurare una nascita senza complicazioni, vaccinazioni e cure durante l’infanzia a 500.000 bambini; sensibilizzare persone, istituzioni, scuole, organizzazioni economiche, sociali e culturali nel tuo territorio sul tema della salute materno infantile.

La Campagna è in fase di avvio e si snoderà fino al 2015 tra Burundi, Etiopia, Mali, Kenya, Somalia, Sud Sudan.

Contatti: Ccm, via Ciriè 32/E -10152 Torino, tel. 011.6602793, fax: 011.3839455, mail: ccm@ccm-italia.org, web: www.ccm-italia.org. Link in homepage alla pagina della campagna.

Per sostenere la campagna, organizza un evento o fai una donazione con causale “Sorrisi di madri africane”:

C/C POSTALE N. 13404108 intestato al CCM

IBAN IT 82 O Ø3359 Ø16ØØ 1ØØØØØØØ 1735

L’Associazione di Promozione Sociale Chiama il Senegal promuove un progetto volto all’assegnazione di 175 Borse di Studio per le studentesse della scuola di Pikine, nella periferia di Dakar – Senegal.

Le ragazze sono inserite nell’ambito del Programma di Patrocinio delle ragazze (PPJF), gestito dall’ASC Jant-Bi in partnership con Chiama il Senegal. Obiettivo è migliorare le condizioni di vita delle 175 ragazze beneficiarie, delle loro famiglie di origine e della comunità in generale, nonché garantire alle ragazze la loro formazione e prepararle per essere delle future protagoniste dello sviluppo, capaci di sostenere economicamente le loro famiglie e far parte del processo decisionale del paese. Tra le attività previste: accompagnamento, monitoraggio e sostegno economico degli studi delle ragazze; corsi di rafforzamento per le ragazze; rafforzamento delle capacità dei professori in didattica del francese e delle matematiche, sulle tecniche di valutazione e di sostegno; servizio di trasporto e mensa per le ragazze; copertura servizio sanitario per le ragazze.

Il progetto è in corso e durerà in totale 3 anni. Il costo totale previsto è di € 58.266,00.

Contatti: Chiama il Senegal, via Cavour 37 – 40026 Imola (BO) – Italia. Tel. 0542.22880 – Fax: 0542.22880, mail: info@chiamasenegal.it.

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Contatti

Largo Camesena 16, piano 4°, int. 10 - 00157 ROMA

Tel. +39 06 54 14 894
Fax +39 06 59 600 533

C.F. 97041440153

Commenti e suggerimenti: cipsi@cipsi.it
Posta certificata Cipsi: cipsi@pec.cipsi.it

Solidarietà e Cooperazione CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa 30 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale.

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. Opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.