Ultim’ora. Il cargo Bahri Tabuk a Cagliari: sosta non dichiarata per caricare bombe?

Ottima analisi di Franco Uda

Hanno già caricato tutto durante la notte: clandestinamente, servendosi di agenzie esterne, estromettendo i lavoratori del porto di Cagliari (forse temendo la stessa reazione di quelli di Genova), tenendo all’oscuro la Capitaneria di Porto.
Mission accomplished! 
Arrivata al porto di Cagliari in piena notte, per uno scalo non previsto e non dichiarato, la Bahri Tabuk – un cargo Ro-Ro saudita – ha portato a termine lo sporco lavoro per la quale era stata ingaggiata: trasportare un carico d’armi stivato durante le precedenti soste nordamericane e rimpinguarlo con il Made in Sardinia, filiera corta, grazie alla provenienza dalla Rwm di Domusnovas, lì dietro l’angolo, verso Riyad, dove potranno contribuire al massacro che si sta compiendo in Yemen.
In tutto questo c’è da chiedersi: 
dove sono le autorità pubbliche? 
dov’è il rispetto delle norme nazionali (L. 185/90), europee (Posizione Comune del 2008) e globali (il Trattato ATT) sull’export delle armi?
dov’è la politica, di qualsiasi livello?
dov’è il diritto dei cittadini di sapere cosa sta accadendo nel mezzo della propria città (a Cagliari il porto è letteralmente incastonato nel corpo urbano)?
Dov’è la democrazia?
Sappiamolo: per una notte tutto il porto di Cagliari non era sottoposto né alle leggi, né al controllo, né alla sovranità dello Stato Italiano o della Regione Autonoma della Sardegna, batteva invece bandiera saudita!
Senza neanche doversi scomodare a partecipare alle elezioni, nominare vicepremier o annoiarsi con le opposizioni.
Il sovranismo nazionalista è già roba vecchia, la sua versione aggiornata è qui plasticamente riprodotto nel centro della città di Cagliari, si nutre di guerre, di armi e di soldi, ed è benedetto tanto dagli accordi intergovernativi che dalle Alleanze militari.
E’ il futuro bellezza!

Fonte: Rete Disarmo https://www.disarmo.org/rete/index.html

Per approfondimento: https://www.facebook.com/retedisarmo/photos/a.197814639708/10157220500899709/

ULTIM’ORA – BREAKING – La Bahri Tabuk a Cagliari: sosta imprevista e non dichiarata per caricare bombe?

Poco dopo le 4 del mattino di Venerdì 31 maggio la Bahri Tabuk è giunta nel golfo di Cagliari puntando verso il porto del capoluogo della Sardegna. E’ quindi ormai confermato che il cargo Ro-Ro con bandiera saudita farà una sosta inizialmente non dichiarata a Cagliari.

La nave era partita dal porto di Marsiglia-Fos nella serata del 29 maggio dopo essere stata oggetto, durante la sua sosta francese, di proteste da parte di attivisti delle organizzazioni pacifiste e di dichiarazione di blocco da parte dei lavoratori portuali contro una qualsiasi ipotesi di carico di nuove armi (la nave dovrebbe avere già in stiva materiale d’armamento caricato nelle precedenti soste nordamericane)

Per tutta la giornata di giovedì 30 maggio gli analisti di Rete Disarmo hanno seguito la navigazione della Bahri Tabuk, che ufficialmente era diretta ad Alessandria d’Egitto ma che ha iniziato a rallentare all’altezza della Sardegna. Il tutto suggeriva un attracco a Cagliari, a questo punto – ripetiamo – abbastanza confermato, per la notte/mattinata del 31 maggio con una tempistica che non pare essere del tutto casuale.

Il forte sospetto è che l’attracco ormai imminente significhi una nuova spedizione di bombe “made in Sardegna” destinate alle forze armate saudite. Va infatti ricordato come già in passato (prime informazioni certe a partire dal 2016, cioè a conflitto in Yemen già iniziato da oltre un anno) il cargo Bahri Tabuk sia stato protagonista di soste in Sardegna per caricare ordigni prodotti a Domusnovas dalla RWM Italia. secondo i registri navali consultati da giornalisti investigativi la Bahri Tabuk mancherebbe dalla Sardegna da metà 2018.

Come per il recente caso della Bahri Yanbu a Genova (e rafforzando la reiterata richiesta da parte delle organizzazioni della società civile di stop a qualsiasi fornitura bellica a favore di Paesi coinvolti nella coalizione a guida Saudita impegnata nel conflitto in Yemen) anche in questo caso la Rete Italiana per il Disarmo fa appello ad autorità, lavoratori portuali, società civile della Sardegna affinché non venga caricato sul cargo saudita alcun tipo di materiale militare. Non possiamo più continuare ad essere complici di bombardamenti indiscriminati che colpiscono i civili Yemeniti e contribuiscono alla maggiore catastrofe umanitaria attualmente in corso nel mondo.
Le bombe di produzione italiana non devono essere più trasferite nell’area di conflitto, concretizzando una vendita che è chiaramente contraria ai dettami e principi della norme nazionali (Legge 185/90), europee (Posizione Comune del 2008) e globali (il Trattato ATT) sull’export di armi. Facciamo appello in particolare ai lavoratori portuali di Cagliari affinché seguano l’esempio recente dei colleghi di Genova e di altri porti europei rifiutando di prestare la propria opera a vantaggio di questo commercio sanguinoso.

Immagine in evidenza https://twitter.com/ReteDisarmo 

Cipsi Onlus

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa oltre 40 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.